energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il successo planetario dello Gangnam style

Sul web spopola ormai da mesi e ha raggiunto un successo che non ha uguali. Il video del rapper sudcoreano Psy è il nuovo tormentone mondiale e si sta apprestando a diventare, con il suo quasi miliardo di visualizzazioni, il video più cliccato in assoluto su YouTube.
Tale è la sua fama, che molti vip hanno voluto provarlo, e i loro detrattori usato per metterli alla berlina: il dissidente cinese Ai Weiwei ne ha fatto una parodia che ha inviato su Youtube mentre il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, durante un incontro con il rapper al Palazzo di Vetro, ha chiesto di impararne qualche passo.
In Russia su Demokratia 2, la nuova piattaforma internet dell’opposizione russa, è stato postato il video Oppa Putin Style in cui Vladimir Putin e Dmitry Medvedev ballano davanti al Cremlino. 
E i cinesi? Sono sotto l’effetto Gangnam, che tanto bene non fa, stando ai risultati.
Certo, Psy li ha resi fan accaniti di Barak Obama grazie al successo sui siti e social network locali del video in cui Reggie Brown, sosia di Obama, si esibisce in una parodia del tormentone del Gangnam style
Accompagnato dalla first lady (falsa come lui), un Obama super atletico si lancia in una danza che ha suggestionato migliaia di cinesi, molti dei quali hanno creduto che a ballare fosse il vero presidente. Dai blog ai social network, i post non si sono fatti attendere e se per alcuni la clip non fa altro che confermare il loro giudizio negativo nei confronti degli americani, per molti costituisce invece un punto a favore del presidente Usa.
Ecco alcuni giudizi: "Una cosa del genere in Cina non si potrebbe mai verificare", ha scritto un utente del sito di microblogger Sina Weibo, pensando che il ballerino del video fosse veramente Obama. Mentre altri si sono lanciati in elogi sperticati, sempre però supponendo che Obama e Michelle si fossero davvero fatti riprendere durante uno sfrenato Gangnam style: "Il presidente degli Stati Uniti è veramente una persona semplice, così vicina alla gente comune”. “E' difficile difendere chi non vuole votare per lui" – gli ha fatto eco un altro – “Obama è un uomo del popolo, interessante e affabile, ha postato invece un giovane poeta.

L’Italia, come sempre, non è rimasta a guardare. Crisi o no, il ballerino che è in noi trova sempre il modo di emergere. Così, grazie al tam tam su Facebook, dopo le “invasioni” di Milano, Parigi e Londra, pochi giorni fa trentamila ragazzi si sono trovati a ballare il Gangnam style in piazza del Popolo a Roma. E si è trattato di un evento degno di nota perché i fan di Psy hanno dato vita al primo flash mob con music mob, l'applicazione che permette di sincronizzare decine di migliaia di smartphone perché riproducano all'unisono lo stesso brano o effetto sonoro.
Tutto frutto di un’operazione commerciale o della globalizzazione che democratizza e dà anche ad artisti sconosciuti opportunità fino ad ora irraggiungibili? Il successo di Psy è apparentemente inspiegabile. Sicuramente non è televisivo, eppure il lavoro che c’è dietro è sicuramente molto. Secondo alcuni il vero mainstream, la corrente principale, sarebbe proprio Youtube.
Certo è che l’11 novembre a Francoforte, in occasione degli MTV Europe Music Awards, tutti si aspettavano un delirio di folla per Justin Bieber e Taylor Swift, le due popstar che, quanto a premi, hanno fatto la parte del leone di questa 19ma edizione. Inaspettamente, ma fino a un certo punto, il trionfatore della serata è stato proprio Psy, premiato per il miglior video.
Al momento della consegna del premio si è commosso e ha voluto ringraziare sua moglie “per sopportare una persona così egoista”. Vanificando così in un baleno la tecnologia, i nuovi mezzi di comunicazione, l’innovazione e riportandoci di colpo nel passato. Come a dire: dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna (che lo sopporta, appunto). E se aggiornassimo anche gli aforismi?

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »