energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La superstar delle ballerine russe ‘emigra’ a Londra

Solamente diciotto mesi fa aveva stupito il mondo della danza abbandonando il corpo di ballo del Bolshoi, insieme al suo acclamato collega e compagno Ivan Vasiliev, per l’assai meno prestigioso Mikhailovsky Ballet di San Pietroburgo. Ora, la danzatrice superstar Natalia Osipova entrerà al Royal Ballet di Londra come prima ballerina per la stagione 2013-14, anche se Vasiliev non la seguirà.

All'epoca del suo trasferimento a San Pietroburgo, la notizia aveva sollevato domande scottanti sullo stato di salute del tempio della danza russa, i cui problemi e tensioni sono venuti alla luce in modo eclatante in gennaio con l'aggressione all'acido solforico subita dal direttore artistico Serghei Filin. Come è noto il ballerino Pavel Dimitrichenko è stato accusato di essere il mandante dell’attacco, ma c'è chi continua a sostenere che il vero “burattinaio” non sia ancora stato individuato e vada cercato proprio dietro le quinte del Bolshoi.

A proposito dell’ingaggio presso il Royal Ballet, in un'intervista al quotidiano russo "Kommersant", la Osipova ha praticamente ripetuto ciò che disse quando da Mosca si trasferì a San Pietroburgo: “Questa è una grande occasione. Mi piacerebbe molto imparare coreografie che ancora non conosco” "In Gran Bretagna tutte le promesse e le condizioni sono messe nero su bianco e non come in Russia, dove tutto è a parole” e analoghe banalità. Unica nota interessante, l’essere convinta che a Londra non vivrà gli stessi intrighi che ormai caratterizzano il celebre teatro moscovita.

Rimane comunque un aspetto controverso, perché la Osipova è prima ballerina anche dell’American Ballet Teather, con impegni già presi per tutto il 2014. Il direttore artistico del Ballet Theater pare “non abbia nascosto la propria frustrazione perché la stagione di Londra coincide con quella di New York – ha detto Sergei Danilian agente della Opsipova – ma questa è una nuova realtà che dovrà essere affrontata in qualche modo”.

Nell’intervista al quotidiano russo la Osipova, che ha già ballato come artista ospite con il Royal Ballet, ha tranquillizzato tutti dicendo che continuerà a esibirsi con il Mikhailovsky Ballet, sempre come artista ospite, e che continuerà a ballare anche con il Ballet Theater. Un fitto calendario di impegni, che si aprirà in autunno a Londra con Romeo e Giulietta al fianco di Carlos Acosta, e che in molti sostengono sia difficilmente realizzabile.

Rimane poi un altro problema, più personale ma non meno importante: Ivan Vasiliev, il ballerino superstar suo collega e compagno che con lei, e forse per lei, lasciò il Bolshoi per il Mikhailovsky Ballet che fine farà? Come riporta il quotidiano russo, non solo non gli è stato chiesto di entrare nel Royal Ballet, ma nemmeno di trasferirsi a Londra.

Articoli correlati: Danza al vetriolo: un giallo al Bolshoi
Referenze fotografiche: Balletco
 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »