energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Musica da ballo

Cosa c’è di meglio che danzare sulle note di una canzone che rappresenta qualcosa? Perché la musica è spesso memoria di persone, di luoghi, di esperienze piacevoli, e ricordarli in un ballo può essere molto coinvolgente. Tutti hanno una canzone preferita, e molti una che è legata ad un amore: trovarsi in pista, ballare mentre la si ascolta, è un momento di gioia.
Nei locali da ballo le musiche sono spesso nostalgiche: dai revival anni ’70-90, agli evergreen come l’incredibile "Alligalli" che, puntualmente, “allieta” ogni serata in sala.
Per i “maturi” è un tuffo nel passato, anche se, a dire il vero, certe canzoni sono tutt’altro che memorabili e lo stancante e noioso fox-trot è proposto all’infinito dalle orchestre.
La cosa che stupisce nelle sale da ballo è che i giovani conoscano tutte quelle vecchie canzoni. Ovviamente non la contemporaneità né il ricordo di affezioni positive, forse la semplicità e l’orecchiabilità hanno permesso a quei brani di riproporsi al gusto di più generazioni e di affermarsi negli anni. Comunque per tutti la musica del ballo da sala è piacere!
La musica per la danza da competizione è invece un’altra cosa perché deve rispondere a consuetudini e requisiti ben precisi, definiti nel "Regolamento federale".
Vediamo quali. Durante le gare i brani musicali sono scelti ad insaputa dei competitori, ma le difficoltà non terminano con la musica a sorpresa, che già è una delle cose difficili da gestire. Perché i brani possono avere velocità metronomiche diverse, così il valzer inglese può avere tra i 28 e i 30 bpm, il jive tra i 42 e i 44 bpm e così via per ogni danza.
Questo significa che uno stesso brano può essere lentissimo o velocissimo, a seconda di come viene eseguito, al di là di altre difficoltà tecniche che può presentare.
Altro elemento di obbligatorietà è la durata dei brani musicali, anch’essa definita prima dello svolgimento delle gare, che è comunque variabile: per le danze standard, latino americane e combinate la durata dei singoli balli è compresa tra 1.30 e 2 minuti, ad eccezione del valzer viennese, quick step e jive che sono compresi tra 1.20 e 1.40 minuti per la fatica fisica che richiedono.
Ogni coppia di ballerini ha i propri programmi, elaborati e studiati con il maestro, che esegue durante le competizioni. Ma se è vero che nel ballo la cosa più importante è la corretta interpretazione dell’andamento ritmico, prima ancora della postura o della corretta esecuzione di passi e figure, accelerare o decelerare anche un percorso già preparato, in virtù della velocità scelta dalla giuria, diventa complicatissimo, ma necessario. Perché quello che si deve dimostrare in gara è di saper leggere, e di conseguenza interpretare, un brano musicale.
Ci sono poi delle consuetudini, come l’assenza del testo. Le parole distraggono, è noto, si canticchiano addirittura, mentre la cosa più importante in gara è tenere il tempo, concentrarsi sulle battute e non farsi trascinare dal ritmo.
Le parole delle canzoni sono invece presenti negli show case, esibizioni e dimostrazioni del proprio talento preparate su una musica specifica.
In gara può capitare anche che siano cambiate le caratteristiche melodiche di un pezzo, come avviene spesso nei programmi televisivi di ballo, per cui brani noti sono modificati per essere ballati su danze che non sono quella originale. The winner takes it all degli Abba diventato di recente un tango a “Ballando con le stelle” ne è un classico esempio: l’effetto è stato piacevole perché il testo è struggente, racconta tradimenti eroicamente subiti, e ben si presta ad un ballo passionale come il tango.
Se vogliamo esercitarci ascoltando ottima musica, il sito più adatto è quello della “Empress orchestra and dance band”, considerata la migliore orchestra al mondo per la musica da ballo, che accompagna dal vivo le gare più prestigiose, come il Blackpool dance festival.
Della “Empress orchestra” vi proponiamo un quickstep, un tango e un valzer (e non solo) che accompagna una bellissima ed emozionante gara di Mirko Gozzoli ed Edita Daniute a Bournemouth nel 2010. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »