energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Cu’mme, Roberto Murolo & Mia Martini (1992)

Venti anni fa una bella canzone napoletana, cantata da due grandi artisti, Roberto Murolo e Mia Martini.

L’aveva scritta Enzo Gragnaniello, allora giovamne musicista napoletano per onorare gli 80 anni del maestro del genere, Roberto Murolo. Grazie a quel brano, per qualche tempo ritornò in auge la più importante tradizione della musica leggera italiana, quella per cui la penisola ha il suo posto nel mondo. La canzone napoletana è fortemente radicata nella cultura popolare, al punto che è come un fiume carsico che scompare e ricompare magari proponendo qualcosa di nuovo e di ancora più bello. A cavallo degli anni 70 fu la Nuova Compagnia di Canto popolare di Eugenio Bennato e Roberto De Simone (quelli della Gatta Cenerentola, per intenderci) che riproposero pezzi magistrali  come la Tammuriata nera, un pezzo del 1944 composto da E.A. Mario con il testo di Edoardo Nicolardi (È nato nu criaturo, è nato niro, e ‘a mamma ‘o chiamma Ggiro). Poi è arrivato il fenomeno Pino Daniele con la bellissima Napul‘è (1977) che è un po’ il manifesto della nuova canzone napoletana che fa proprie sonorità della musica rock-blues. Nel 2011-2012 è stata un’artista straniera, l’israeliana Noah, a pubblicare un album nel quale ha presenta alcune dei più bei brani della tradizione partenopea facendoli riscoprire a tutti gli appassionati nell’album Noapolis (da Torna a Surriento a I’ Te vurrìa vasar, per citare solo quelle più note).

Cu’mme fu scritta per l’album “Ottantavogliadi cantare” in occasione del genetliaco del maestro ed ebbe subito un successo così importante che il trio che si era formato per l’occasione (Gragnaniello, Murolo, Mia Martini) non si sciolse subito, ma pubblicò un secondo album di canzoni napoletane. Insieme a Renato Carosone e Sergio Bruni, Murolo fu protagonista assoluto della scena musicale italiana nei vent’anni che seguirono la seconda guerra mondiale, prodotto raffinato degli ambienti culturali più avanzati della città campana. Fra le sue ultime interpretazioni si ricorda Tu si’ na cosa grande, omaggio a Domenico Modugno (1994). Di Mia Martini, pseudonimo di Domenica Berté, grandissima e sfortunata artista, morta in circostanze mai chiarite nel 1995, torneremo presto a parlare.

Cu’mme

Scinne cu ‘mme
nfonno o mare a truva’ chillo ca nun tenimmo acca’ vieni cu mme e accumincia a capi’ comme e’ inutile sta’ a suffri’ guarda stu mare ca ci infonne e paure sta cercanne e ce mbara’

ah comme se fà a dà turmiento all’anema ca vo’ vula’ si tu nun scinne ‘nfunno nun ‘o puo’ sape’ no comme se fa’ adda piglia’ sultanto o mare ca ce sta’ eppoi lassa’ stu core sulo in miezz a via

saglie cu ‘mme e accumincia a canta’ insieme e note che l’aria da’ senza guarda’ tu continua a vula’ mientre o viento ce porta la’ addo ce stanno e parole chiu’ belle che te pigliano pe mbara’

ah comme se fà a dà turmiento all’anema ca vo’ vula’ si tu nun scinne ‘nfunno nun ‘o puo’ sape’ no comme se fa’ adda piglia’ sultanto o mare ca ce sta’ eppoi lassa’ stu core sulo in miezz a via

Foto: http://www.oltremusica.it/joomla/mi-ritorni-in-mente/roberto-murolo-antologia-napoletana-1996.html

Print Friendly, PDF & Email
Translate »