energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Don’t Look Back In Anger, Oasis (1995)

La folla raccolta in silenzio a St Ann’s Square per onorare le giovani vittime dell’attentato di Manchester. Improvvisamente una donna intona la canzone degli Oasis Don’t look back in anger. A lei si uniscono gradualmente molti altri fino a che si alza un coro commovente e intenso che ha fatto il giro del mondo attraverso i social. Non  è causale che quella donna abbia scelto questo pezzo storico della band di Noel e Liam Gallagher.

In primo luogo perché quella band è stata una dei prodotti più interessanti del mondo musicale della città inglese, in secondo luogo perché quelle vite spezzate dalla follia pseudo religiosa dei militanti dell’Isis stavano ascoltando musica ed è la musica il modo migliore per ricordarle tutti insieme. Ma soprattutto è un messaggio di pace quello che lancia il popolo ferito di Manchester: non ti guardare indietro con rabbia, dice il testo della canzone. “E così Sally può aspettare,  sa che è troppo tardi, mentre lei va avanti la sua anima scivola via, non guardare al passato con rabbia, ti ho sentito dire”. Nonostante tutto andiamo avanti, non serve pensare alla vendetta, ma impegniamoci tutti insieme perché non prevalga l’istinto di morte e l’odio assassino.

Il pezzo è anche un grande omaggio a John Lennon e ai Beatles ed è uno dei pilastri del “brit-pop” di seconda generazione del quale gli Oasis sono stati i principali esponenti.

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »