energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dos Gardenias, Ibrahim Ferrer (1996)

La canzone, che molti considerano il più bel bolero cubano, in realtà fu composta da Isolina Carrillo negli anni ’30, diventando un successo mondiale alla fine degli anni ’40.

Ibrahim Ferrer, che l’aveva imparata negli anni ’50 quando cantava per l’orchestra di Beny Moré all’Havana, la fece tornare all’attenzione del mondo intero grazie al progetto  Buena Vista Social Club, una delle operazioni musicali più interessanti degli ultimi decenni. Il Buena Vista era un locale che andava per la maggiore negli anni 50 ai tempi del dittatore Batista, un specie di Cotton Club di New York dell’era del proibizionismo. L’accesso era consentito solo ai neri, e i bianchi spesso stazionavano all’esterno per cogliere le perle della musicalità afrocubana. Vi suonavano e cantavano i migliori musicisti fino a che nel 1959, dopo la rivoluzione castrista, fece la fine di tutti i vecchi simboli della dittatura che ricordavano i tempi del degrado e della corruzione. Quaranta anni dopo la chiusura, alcuni reduci di quei tempi si unirono in un gruppo al quale dettero il nome di Afro-cuban All Stars: Compay Segundo, Ibrahim Ferrer, Manuel “Puntillita” Licea, José Antonio (Maceo), Pío Leyva, Raúl Planas, oltre a musicisti come Manuel “Guajiro” Mirabal, Javier Zalba, Orlando López (Cachaíto), Rubén González, Miguel Angá. Sono loro che scopre il musicista e compositore di Los Angeles, Ry Cooder, giunto a Cuba in modo rocambolesco per partecipare a una session di musicisti africani. Metterli insieme e farli suonare e cantare quelle canzoni e quei ritmi della patria della rumba, del cha cha cha, dei danzos fu un’idea geniale. Ne venne fuori un album di grande successo internazionale (1996) e il film documentario di Wim Wenders che porta lo stesso titolo, Buena Vista Social Club. Ferrer canta la canzone con una voce dolce e malinconica. Del resto il bolero è un ritmo lento, passionale, ricco di intensità e di dolcezza. Del resto anche le parole sono quelle semplici del grande amore.

Dos gardenias para ti
Con ellas quiero decir:
Te quiero, te adoro, mi vida
Ponles toda tu atención
Que seran tu corazón y el mio

Dos gardenias para ti
Que tendrán todo el calor de un beso
De esos besos que te dí
Y que jamás te encontrarán
En el calor de otro querer

A tu lado vivirán y se hablarán
Como cuando estás conmigo
Y hasta creerán que se diran:
Te quiero.
Pero si un atardecer
Las gardenias de mi amor se mueren
Es porque han adivinado
Que tu amor me ha traicionado
Porque existe otro querer. x 2

http://www.youtube.com/watch?v=pwmaFbdm_Pk&feature=related

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »