energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dream A Little Dream Of Me, Cass Elliot (1968)

Prendiamoci una breve è pausa in occasione della Pasqua e per un momento mettiamo da parte i terribili fatti di questi giorni provocati dalla fatalità o dalla follia umana per ascoltare  questo piccolo capolavoro musicale peraltro appena riscoperto dai direttori creativi delle agenzie pubblicitarie. Ma è evidente il perché: pochi brani musicali come questo ti offrono qualche minuto di serenità per la dolcezza  della composizione e la semplciità della composizione.

Dream a Little Dream of Me (Sogna un piccolo sogno di me) è una canzone del 1931 composta da Fabian Andre, che dirigeva una sua orchestra  e Wilbur Shwandt, noto soprattutto per i suoi pezzi in ritmo latino,  con le parole di Gus Kahn, affermato autore di molte celebri hit dei musical di Broadway (It Had To Be You, per esempio).

I tre produssero questo pezzo jazz – pop che è stato interpretato negli anni da più di 60 artisti di ogni parte del mondo. La cover che ha avuto più successo fu quella di Mama Cass Elliot con i suoi colleghi The Mamas & Papas  gruppo folk rock che ebbe successo fra il 1965 e il 1969. Da noi conosciuti soprattutto per California Dreaming, e comunque sempre di sogni si tratta.

La scena che suggeriscono le parole, potrebbe essere questa. Lui è solo e guarda le stelle, gli uccellini cinguettano, mentre lei sta dormendo. Vorrebbe un bacio, ma non c’è nulla da fare deve aspettare l’alba. Intanto lui può solo illudersi che fra tutti i suoi sogni magnifici e positivi lei possa fare anche un piccolo sogno dell’amante che veglia solitario:  “Sweet dreams till sunbeams find you – Sweet dreams that leave all worries behind you – But in your dreams, whatever they be  – Dream a little dream of me”. Dolci sogni finché non ti raggiungeranno i raggi del sole, dolci sogni che ti lasciano tutte le preoccupazioni dietro le spalle, ma nei tuoi sogni, qualunque cosa essi siano, sogna un piccolo sogno di me”.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »