energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Gli Angeli, Vasco Rossi (1996)

In una temperie così angelica come quella che a Firenze precede l’arrivo di Papa Francesco, la scelta del brano della settimana non può che adeguarsi cercando il meglio dei brani che parlano del divino messaggero.  “Un angelo blu vola in cielo, un angelo blu che se fischio torna giù”, cantava l’Equipe 84 nel 1968. Lucio Battisti cantava il nostro caro Angelo,  “che si ciba di radici e poi lui dorme nei cespugli sotto gli alberi, ma schiavo non sarà mai”, nel 1973. Più recentemente, nel 1997, di  Angels ha cantato Robbie Williams, in quella che molti ritengono sia stata la canzone che più lo ha lanciato nella sua carriera di solista e che è ancora il suo singolo più venduto nel Regno Unito: “Mi siedo e aspetto che un angelo contempli il mio destino, loro sì che sanno dove andremo quando saremo grigi e vecchi, perché mi hanno detto che la salvezza tiene le loro ali ben aperte”.

Insomma si potrebbe fare una lunga lista di canzoni che evocano gli spiriti angelici, ma certamente una delle più belle è quella di Vasco Rossi, “Gli angeli”, del 1996.  La canzone è dedicata a Maurizio Lolli, suo amico e manager, ucciso da un tumore ai polmoni. Dove però gli angeli si trovano in difficoltà perché non possono arrivare così in alto come lui. In questo caso l’angelo è Maurizio e, trasferendo il volarsene via alla sua visione dell’esistenza,  anche lui Vasco, quando può vedere le cose dall’alto, dove non ci sono più scuse e tu sei solo di fronte alle cose importanti della vita. Non è un gran bel posto, ma c’è qualcosa che ti aiuta, l’amore: “Qui è logico cambiare mille volte idea ed è facile  sentirsi da buttare via!! Qui non hai la scusa che ti può tenere su, qui la notte è buia e ci sei soltanto tu”.

Insomma non aspettarti che qualcuno ti venga miracolosamente in aiuto, perché gli angeli non arrivano, ma cerca da solo quel senso della vita che è stata sempre un’ossessione per il rocker emiliano. Naturalmente tutto ciò provoca sofferenza, ma c’è un grande vantaggio: qui non arrivano “gli ordini”…a insegnarti la strada buona…

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »