energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Go West, Pet Shop Boys (1993)

C’è anche un altro deluso che è tornato da Cannes a mani vuote come il trio Sorrentino- Garrone –Moretti. E’ un cinese, Zhangke Jia, autore del film Mountains May Depart, che si è visto preferire dalla giuria il suo collega Hou Hsiao-Hsien, autore di un spettacolare movie d’azione ambientato nella Cina del IX secolo. Ma se cercheremo comunque di non perdere i duelli e le battaglie del secondo, è soprattutto il primo che aspettiamo con impazienza nelle sale cinematografiche. Mountains May Depart ripercorre la trasformazioni dell’Impero celeste dagli anni 90 a oggi e immagina come sarà diventato il capitalismo autoritario della Repubblica popolare cinese nel 2025.

Ne parliamo perché il film comincia con un pezzo dei Pet Shop Boys del 1993, che la storia del pop racconta come una delle più ironiche parodie della triste fine del socialismo reale.  Go West, andate all’Ovest , è l’invito partito dalle quattro modernizzazioni di Deng Xiao Ping negli anni 80, ma all’Ovest i cinesi ci devono andare per copiare le ricette di successo del capitalismo occidentale ma, per carità, senza cambiare nulla del sistema politico centralista e illiberale del comunismo cinese.

Si tratta di una rielaborazione in disco-dance sinthpop,  tipico della fine degli anni 70, dato che a lanciare la canzone fu il gruppo dei Village People che la scrissero nel 1979 senza ottenere lo stesso successo di Y.M.C.A., insuperato hit da balli di gruppo. Per i Village People, singolari musicisti del Village di New York, che indossavano costumi corrispondenti all’immaginario pop del tempo (il pellerossa, il poliziotto etc.), il West dove raccomandavano di andare era proprio quello dei cow boy e degli indiani. Dove possiamo essere felici? Andiamo  insieme là dove “faremo come vorremo, Insieme la tua mano nella mia, voleremo cosi in alto, cominceremo una nuova vita”, perché  “all’ovest la vita è serena, all’aria aperta, il cielo è blu, e insieme ci divertiremo in spiaggia etc.”

I Pet Shop Boys, cioè il duo Neil Tennant e Chris Lowe, ritoccarono il sound disco anni 70 con il nuovo gusto techno e produssero un videoclip realizzato prevalentemente al computer che racconta la fine dell’Urss e del comunismo sancita due anni prima: dopo un incipit che riecheggia l’inno sovietico, le masse innalzano le bandiere rosse e la falce e martello per salire una scalinata che sale verso il cielo dove c’è una statua della Libertà impersonata da una diva afro-americana. Signori, l’economia collettivista è finita, andiamo tutti insieme verso il capitalismo americano.

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »