energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lady, Kenny Rogers (1980)

Un timbro di voce così particolare,  nasale dolcemente rauco, è molto rara nel panorama dei cantanti pop rock. E’ una voce perfetta per la musica country di cui è stato uno dei grandi interpreti. Kenny Rogers texano di Houston, è morto il 20 marzo all’età di 82 anni.

Un cantautore molto versatile. Attore in numerosi programmi di fiction televisivi e in alcune pellicole cinematografiche, Rogers era anche proprietario di una catena di ristoranti in franchising , la Kenny Rogers Roasters.

Per i meno appassionati di musica country, il cantante era conosciuto per un paio di pezzi memorabili come Lady e The Gambler e per la sua partecipazione al supergruppo di 45 celebrità della musica Usa che realizzarono nel 1985 il brano Usa For Africa per iniziativa di Michael Jackson e Lionel Richie dove fra gli altri c’era anche Kim Carnes, con la quale ha realizzato numerosi duetti ( Don’t Fall in Love with a Dreamer, 1980). Il brano si intitolava Usa For Africa e il ricavato delle vendite fu destinato all’Etiopia colpita da una gravissima carestia.

Nella sua carriera ha venduto  più di 160 milioni di copie entrando  nella Country Music Hall of Fame. Il suo primo, grande successo risale alla seconda metà degli anni ’60, quando faceva parte del gruppo First Edition e pubblicò “Just Dropped In”.

Nel 2000 torna al numero uno con “Buy Me a Rose”. Prima del ritiro dalle scene, avvenuto nel 2015, Kenny Rogers si era esibito al Bonnaroo Music and Arts Festival insieme ai Phish, con una versione di “The Gambler”, che nel frattempo era diventato l’inno non ufficiale della nazionale inglese di Rugby e al festival di Glanstonbury. Le sue canzoni fanno parte delle colonne sonore di film come “Convoy”, “Un uomo da marciapiede”, “Il Grande Lebowski”.

Print Friendly, PDF & Email
Translate »