energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ma il Cielo è Sempre più Blu, Rino Gaetano (1975)

Battiato cercava un centro di gravità permanente e Vasco cercava di dare un senso alla vita e poi però si accontentava pensando che domani arriverà  e intanto “senti che bel vento, non basta mai il tempo, domani è un altro giorno arriverà”.

Rino Gaetano si pone lo stesso interrogativo esistenziale, ma il suo approccio è molto diverso da quello degli altri due. Partecipazione, dolore e rivolta. C’è grande confusione sotto il cielo, ci sono i buoni e i cattivi, i sinceri e i falsi, i coraggiosi e i vigliacchi e via con un lungo elenco di possibili attività umane anche le più strane e le più sciagurate. Che farci? Niente, canta il geniale ragazzo di Crotone, perché comunque sopra le nostre teste c’è un cielo bello da paura ed è lì che tutto trova la sua composizione.

“Ma il cielo è sempre più blu” è una canzone che solo apparentemente è cinica e amorale. Al contrario, quello di Rino è un grido autentico che guarda il mondo come è, ma ne sente dentro di sé tutti limiti e le mediocrità. Il senso della vita sta dunque nella ricerca di una perfezione che assomigli a quel cielo così perfettamente blu. L’arte di Rino stava tutta nel modo con cui cantava e ingiustizie, le iniquità e le storture di una società in ebollizione: con ironia e apparente distacco, ma con una genuina partecipazione.

Vittima della “maledizione dei puri”, Rino morì il 2 giugno 1981 a bordo della sua auto, scontrandosi frontalmente con un camion sulla Nomentana a Roma, probabilmente dopo essere stato colpito da un collasso. Ma anche lui come altri artisti veri morti giovani, è rimasto nel profondo della coscienza  non solo della sua generazione, ma anche di quelle successive,. Ci sono delle icone che si tramandano quasi inconsapevolmente da padre a figlio.

Il  geniale ragazzo di Crotone scrisse e lanciò il brano nel 1975, quando aveva 24 anni. Tre anni dopo arrivò terzo al Festival di Sanremo con Gianna. Si era inventato un pezzo lungo quasi 8 minuti e mezzo e diviso in due parti. A quei tempi versi come Chi tira la bomba/chi nasconde la mano e chi canta Baglioni/chi rompe i coglioni. Come ricorda Wikipedia.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »