energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Mr. Orange, Dengue Fever (2008)

Quando la musica pop d’innovazione, ai limiti della psichedelica, si mischia con il surf, l’indie e, incredibile ma vero, la musica cambogiana. Ne esce un mix allucinante, travolgente, di musica stile fine anni ’70, primi ’80, che tra qualche anno potrebbe diventare parte delle sessioni trash più ballate nei locali frequentati dalla gioventù.

E’ la musica dei Dengue Fever, band nata in California nel 2001 grazie alla folgorazione dei fratelli Holtzman, il chitarrista e cantante Zac e l’organista Ethan, specialista dell’organo elettrico Farfisa, azienda nata nell’immediato dopoguerra da noi, a Camerano, in provincia di Ancona. Tale folgorazione nasce in seguito ad un viaggio in Cambogia; è da lì che i fratelli, una volta rientrati nella natìa California, capiscono la propria strada. Si torna in Cambogia, alla ricerca della cantante giusta per il proprio progetto. La trovano in uno squallido nightclub di Little Phnom Penh, è estremamente carina, dalla voce suadente: si chiama Chhom Nimol, e nel suo Paese è piuttosto celebre, essendo molto diffuso il karaoke, come in tutti i paesi asiatici. I fratelli Holtzman convincono Chhom a seguirli negli States, facendo leva, oltre che sulle prospettive economiche in caso di successo, anche sul fatto che in America sarebbe stata più vicina alla sorella, già emigrata in cerca di fortuna. Il progetto dei Dengue Fever è ambizioso: pezzi nuovi e cover dei più grandi successi cambogiani, tutto rigorosamente in lingua khmer.

Ci riescono ad arrivare al successo, eccome: oggi i Dengue Fever, dopo cinque album e due ep, sono una figura unica nel panorama della musica mondiale. Le loro canzoni richiamano alla mente le atmosfere dei grandi successi di Quentin Tarantino, e sono certo che in uno dei prossimi film del maestro, ci sarà una loro canzone. Mr. Orange, dal terzo album Venus On Earth, rappresenta secondo me tutto ciò che i Dengue Fever vogliono essere: divertimento, originalità, frizzantezza, appeal cinematografico (le loro canzoni sono già comparse nelle colonne sonore di serie tv e film, tra cui Broken Flowers di Jim Jarmusch e City Of Ghosts di Matt Dillon). Quando la febbre dengue non fa paura, ma diverte. Ascoltare Mr. Orange per credere.

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »