energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ne me quitte pas, Jacques Brel (1959)

Qualche decennio fa nei diversi gradi della scuola si insegnava come seconda lingua anche il francese. Il che non può stupire

Il che non può stupire. Dopo la guerra 1939 – 1945, la Francia era ancora una grande potenza e teneva strette le sue colonie, essendone privata solo grazie a guerre di popolo: Dien Bien Phu (1954), fu la sconfitta che le fece perdere l’Indocina e l’Algeria dichiarò l’indipendenza nel 1962. La diplomazia parlava ancora francese, ma sempre di più come vezzo di una casta che abitualmente si esprimeva in inglese. Insomma, il francese della scuola media superiore aveva una sua grande dignità, addirittura determinante nella formazione in particolare delle ragazze di 14-15 anni. Chi può dimenticare che la prima della classe, bella e brava, teneva sul banco un libro di poesie di Jacques Prévert? E che potevano fare quei maschi adolescenti, goffi e immaturi, di fronte a questa barriera praticamente insuperabile, messa in guardia efficace contro ogni seppur timida velleità di amoreggiare? Che avevamo fatto di male a Prévert per meritare questa umiliazione? Un altro Jacques, Jacques Brel, cantante belga, e la sua canzone più famosa “Ne me quitte pas”, erano un’altra fetta di questo conflitto di genere che diventava scontro di culture. Ma nessuno di quei maschi frustrati ce l’ha con lui. Ne me quitte pas è una delle più belle canzoni d’amore mai scritte ed è uno di quei pilastri della musica popolare che periodicamente vedono l’intervento di grandi interpreti che ne fanno un pezzo di virtuosismo strappa applausi . Il bello della vicenda, che dimostra che i dolori d’amore, anche se sono degli altri, offrono una grande fonte di ispirazione, sono le circostanze della composizione. I biografi di Brel raccontano che la scrisse quando si separò dall’attrice Suzanne Gabriello, ma era stato lui a lasciarla. Quindi tutta questa incredibile, esagerata, poeticamente maestosa offerta d’amore (purché l’amore non se ne vada), è espressione di una grande capacità di mettersi nei panni degli altri. Forse è proprio per questo che può diventare così esagerata.  Moi je t’offrirai Des perles de pluie Venues de pays Où il ne pleut pas Je creuserai la terre Jusqu’après ma mort  Pour couvrir ton corps D’or et de lumière. Ti offrirò perle di pioggia venuta da paesi dove non piove mai, io scaverò la terra fin dopo la mia morte per coprire il tuo corpo doro e di luce.  E via con le iperboli. La canzone è così famosa che è stata oggetto anche di numerose parodie, la più famosa delle quali è quella di Luigi Proietti: “Nun me rompe er ca”. Si riferiva sicuramente a Prévert.
http://www.youtube.com/watch?v=Sk7_HY9svAw&feature=related

Ne me quitte pas
Il faut oublier
Tout peut s’oublier
Qui s’enfuit déjà
Oublier le temps
Des malentendus
Et le temps perdu
A savoir comment
Oublier ces heures
Qui tuaient parfois
A coups de pourquoi
Le cœur du bonheur
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

Moi je t’offrirai
Des perles de pluie
Venues de pays
Où il ne pleut pas
Je creuserai la terre
Jusqu’après ma mort
Pour couvrir ton corps
D’or et de lumière
Je ferai un domaine
Où l’amour sera roi
Où l’amour sera loi
Où tu seras reine
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

Ne me quitte pas
Je t’inventerai
Des mots insensés
Que tu comprendras
Je te parlerai
De ces amants-là
Qui ont vu deux fois
Leurs cœurs s’embraser
Je te raconterai
L’histoire de ce roi
Mort de n’avoir pas
Pu te rencontrer
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

On a vu souvent
Rejaillir le feu
D’un ancien volcan
Qu’on croyait trop vieux
Il est paraît-il
Des terres brûlées
Donnant plus de blé
Qu’un meilleur avril
Et quand vient le soir
Pour qu’un ciel flamboie
Le rouge et le noir
Ne s’épousent-ils pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

Ne me quitte pas
Je ne vais plus pleurer
Je ne vais plus parler
Je me cacherai là
A te regarder
Danser et sourire
Et à t’écouter
Chanter et puis rire
Laisse-moi devenir
L’ombre de ton ombre
L’ombre de ta main
L’ombre de ton chien
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas
Ne me quitte pas

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »