energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

New York, New York, Liza Minnelli (1977)

Oggi il cuore del mondo batte in tanti posti. Nuove città sfoderano attrazione e fascino per i giovani dell’universo globalizzato. Eppure c’è sempre lei, la Grande Mela che resta lì come la porta di un paradiso di speranze e aspirazioni.

Comincia a spargere la voce, oggi me ne vado, voglio partecipare anch’io a quella cosa che si chiama New York dello stato di New York. La canzone fu composta da John Kander con le parole del suo paroliere storico Fred Ebb, gli stessi che hanno firmato Cabaret e Chicago, dei grandi del musical mondiale, per il film di Martin Scorsese omonino, interpretato da Robert de Niro e Liza Minnelli. E’ la storia tempestosa di Jimmy Doyle, sassofonista e Francine Evans, cantante che si prendono e si lasciano a causa del caratteraccio di lui, per poi ritrovarsi alla fine entrambi coronati dal successo ma senza alcuna chance di riprendere il loro rapporto. Ma la storia è solo un pretesto per il regista italo americano per rendere omaggio alla sua città che avvolge con le sue opportunità, i suoi sogni, i suoi doni generosi o matrigni, tutti coloro che la vogliono vivere e amare. Al punto che il tema principale del film , quello che porta Jimmy all’inutile successo (inutile per recuperare la donna da cui aveva avuto un figlio).

Film e canzone hanno soprattutto avuto il merito di confermare le grandi doti di Liza Minnelli, figlia d’arte di Judy Garland e Vincent Minnelli, predestinata dunque allo spettacolo, che riesce a conquistare la scena con il suo talento di attrice e la sua voce. Protagonista sulla scene fin da giovanissima, conquista fama mondiale con Cabaret il film di Bob Fosse e la relativa canzone dallo stesso titolo, un ruolo che le fa vincere un Oscar per la migliore attrice nel 1972. Ma è proprio con New York New York che si impone come una star di prima grandezza. Qualche anno dopo la canzone fu adottata da Frank Sinatra che ne fece un cavallo di battaglia nell’ultima fase della sua carriera. Nel 1985 la canzone divenne l’inno ufficiale della Grande Mela.

New York, New York (Liza Minnelli)

New York, New York (Frank Sinatra)

 

Start spreading the news, I’m leaving today
I wanna be a part of it, New York, New York.
These vagabond shoes are longing to stray
and step around the heart of it, New York, New York
I wanna wake up in the city, that doesn’t sleep,
to find I’m king of the hill, top of the heap.
My little town blues are melting away
I’ll make a brand new start of it, in old New York
if I can make it there, I’d make it anywhere
it’s up to you, New York, New York

New York, New York
I wanna wake up, in the city that doesn’t sleep,
to find I’m king of the hill, head of the list
cream of the crop at the top of the heap
My little town blues are melting away
I’ll make a brand new start of it, in old New York
if I can make it there, I’d make it anywhere
come on, come through New York, New York

Print Friendly, PDF & Email
Translate »