energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

The House Of The Rising Sun, The Animals (1964)

Come una canzone folk di un compositore anonimo dell’Ottocento può diventare un mattone importante della casa del rock

Di casa si parla in questo pezzo ed è una casa particolare. Pare che il nome sia allusivo di quello di madame Le Soleil, tenutaria di un bordello di New Orleans. E di questo luogo si parla infatti nella canzoine che, spiega wikipedia, ha due versioni: una al maschile, un ragazzo che si pente di aver vissuto una vita dissipata e una al femminile, la più toccante, che parla di una ragazza che vorrebbe lasciare la casa, disperata per aver intrapreso quella brutta carriera. Il finale però è uguale per tutti e due i generi: non riusciranno ad abbandonare quella casa che è la rovina di molti giovani. Il testo cantato dagli Animals è quella al maschile, anche se gli studiosi del folk americano sostengono che quella originaria era al femminile. Identificata nella categoria folk rock, la canzone fa più che degnamente parte in generale del prog, cioè di quella corrente che utilizzava e mescolava tutti gli stili e i generi, creando grande confusione nella testa dei produttori che alla fine si trovavano pezzi che facevano guadagnare loro fior di quattrini. Gli Animals sono stati in testa alle classifiche inglese e americana. La band di Newcastle fu costituita da Eric Burdon e Alan Price ndel 1963 ed è l’anno dopo che lanciò il pezzo che la rese famosa. Specialisti in coiver di brani pop, gli Animals scelsero un brano che era già in repertorio di molti cantanti fra cui Bob Dylan, ma la loro interpretazione corrispondeva di più al gusto dei giovani dell’era Beatles. Del resto anche nel modo di vestirsi e di porsi la band sfruttava l’onda del momento. E’ stato ricostruito che la prima registrazione della Casa del Sole nascente risale al 1928 del cantante blues Alger “Texas” Alexander.

The House Of The Rising Sun

There is a house in New Orleans
They call the Rising Sun
And it’s been the ruin of many a poor boy
And God I know I’m one

My mother was a tailor
She sewed my new blue jeans
My father was a gamblin’ man
Down in New Orleans

Now the only thing a gambler needs
Is a suitcase and trunk
And the only time he’s satisfied
Is when he’s on a drunk

Oh mother tell your children
Not to do what I have done
Spend your lives in sin and misery
In the House of the Rising Sun

Well, I got one foot on the platform
The other foot on the train
I’m goin’ back to New Orleans
To wear that ball and chain

Well, there is a house in New Orleans
They call the Rising Sun
And it’s been the ruin of many a poor boy
And God I know I’m one

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »