energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

The Winner Takes It All, Abba (1980)

Il più bel brano dei campioni del pop affronta uno dei temi ricorrenti nella produzione dei gruppi: la crisi amorosa con conseguente divorzio. C’è anche chi ha stilato una classifica fra i pezzi più belli dell’infelicità e della separazione.

Nel caso della doppia coppia svedese Abba (AB – BA, dalle iniziali dei loro nomi) che è stato il più importante fenomeno pop non anglosassone, la canzone rappresenta il punto di arrivo di una crisi che porterà alla separazione per tutti e quattro: Agnetha Fältskog, Benny Andersson, Björn Ulvaeus e Anni-Frid (Frida) Lyngstad. Nel 1979 si sono separati Agnetha e Bjoern, un anno dopo la registrazione della canzone si separeranno Benny e Anni-Frid, preludio della fine della fortunata carriera del gruppo durata più di  dieci anni (1970 -1982). Rispetto ad altre espressioni musicali della crisi di un amore, però, The Winner Takes It All è la più felice versione della vita presa con levità e dolcezza. Del resto il pop di quegli anni rappresentava bene la spinta profonda di società desiderose soprattutto di godere della felicità dei consumi e di non pensare ai contrasti e alle paure atomiche dei decenni precedenti. La vita di coppia è una partita a carte dove ciascuno si gioca i suoi assi e comunque si è sciocchi se si gioca rispettando le regole: il vincitore prende tutto e chi perde deve cadere. E’ semplice e chiaro, perché dovrei prendermela? Insomma nonostante la malinconia della fine di un amore, la tensione, le liti, bisogna sempre reagire sportivamente e i quattro lo hanno fatto davvero aiutandosi a vicenda nelle singole carriere solistiche.

The Winner Takes It All, fa parte del penultimo album che il gruppo registrò insieme, Super Trouper, che rappresenta anche un cambiamento dello stile con cui erano partiti e che è stato definito com Europop, il pop all’europea che doveva contrapporsi a quello anglofono dei Bee Gees, con i quali eranno accomunati per l’uso delle iniziali dei nomi come marchio del gruppo. L’ultimo lavoro The Visitors, riflette non solo la conclusione dell’esperienza, ma anche nei testi (con allusioni politiche) e nello stile un ripensamento  sul loro lavoro come una ricerca di profondità e di maturità. Nel 2008 la loro musica tornò prepotentemente all’attenzione di tutto il mondo grazie al film Mamma Mia! che era un adattamento del musical realizzato sulle canzoni degli Abba da Catherine Johnson. Il film conferma non solo la gradevolezza e la qualità della musica dei quattro svedesi, ma anche le capacità canore di una grande attrice: Meryl streep.
The Winner Takes It All

The Winner Takes It All (Meryl Streep)

I don’t wanna talk
about the things we’ve gone through
though it’s hurting me
now it’s history
I’ve played all my cards
and that’s what you’ve done too
nothing more to say
no more ace to play

The winner takes it all
the loser standing small
beside the victory
that’s her destiny

I was in your arms
thinking I belonged there
I figured it made sense
building me a fence
building me a home
thinking I’d be strong there
but I was a fool
playing by the rules

The gods may throw a dice
their minds as cold as ice
and someone way down here
loses someone dear
the winner takes it all
the loser has to fall
it’s simple and it’s plain
why should I complain

But tell me does she kiss
like I used to kiss you
does it feel the same
when she calls your name
somewhere deep inside
you must know I miss you
but what can I say
rules must be obeyed

The judges will decide
the likes of me abide
spectators of the show
always staying low
the game is on again
a lover or a friend
a big thing or a small
the winner takes it all

I don’t wanna talk
if it makes you feel sad
and I understand
you’ve come to shake my hand
I apologize
if it makes you feel bad
seeing me so tense
no self-confidence

But you see
the winner takes it all

Print Friendly, PDF & Email
Translate »