energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Whole Lotta Love, Led Zeppelin (1969)

Alcuni famosi brani rock sono stati utilizzati dai mezzi di comunicazione come colonne sonore di film o sigle di trasmissioni fortunate.Uno di questi è Whole Lotta Love dei Led Zeppelin, ma qui si parla anche di One of These Days dei Pink Floyd e di Baba O’Riley dei Who.

Il riff di Jimmy Page  apre il secondo album della band inglese Led Zeppelin, II) un anno dopo la nascita della formazione con questo nome “ossimoro” (uno  Zeppelin, cioè un pallone volante, ma di piombo) , e l’ha lanciata definitivamente nel firmamento del rock internazionale. Il brano è considerato una sorta di manifesto artistico dello stile musicale del gruppo, che è stato uno dei più innovatori del  genere influenzando tutta la grande stagione degli anni 70. Il suono particolare e aggressivo è ottenuto grazie ad accorgimenti tecnici  in studio che trasformano una normale registrazione in una sorta di evento live, investendo l’ascoltatore con una potenza assolutamente originale. La canzone è la rielaborazione di un brano blues del 1962, ma l’interpretazione la trasforma in un pezzo completamente diverso. Wanna Whole Lotta Love?, (vuoi tutto quanto il mio amore) contiene parole di sesso esplicito e del resto la musica certo non rimane al livello della sensibilità rarefatta.
Se il successo si misura da quanto un brano viene utilizzato dai mezzi di comunicazione di massa, Wanna Lotta Love è la prima in classifica. Usata come sigla, fra tante altre, dalle trasmissioni  da Top of the Pops, da Jekyll (Italia 1), ha fatto da colonna sonora della vita quotidiana per decenni.  Come One of These Days (integrale: One of these days I’m going to cut you into little pieces) dei Pink Floyd, brano di Meddle  (1971), sesto album della band che è stato utilizzato ampiamente dalla Rai (Tv7, Dribbling, TG2 Ring) come sigla d’apertura. One of These Days  è un brano musicale dove compare solo una frase (un giorno o l’altro ti farò a pezzettini) che sarebbe rivolto, secondo i biografi di Mason, Gilmour, Waters e Wright, contro un odiato disc jockey della BBC.
Analoga sorte quella di Baba O’Riley , che apre il quinto album dei Who, Who’s next (1971), terzo pezzo di questo trittico delle più celebri melodie rock. Il titolo è un omaggio agli ispiratori della canzone: il filosofo Meher Baba e il musicista Terry Riley.  Il testo raccoglie la forte spinta all’indipendenza della generazione degli anni 60 – 70. Racconta di un ragazzo in crisi e alla ricerca che non ha bisogno di dimostrare nulla a nessuno e si mette on the road con la sua ragazza. Un verso contiene l’espressione Teenage Wasteland (desolazione giovanile) che molti considerano il secondo titolo della canzone. E’ assolutamente incredibile la quantità di trasmissioni televisive per le quali Baba O’Riley, con quel tormentone ripetuto a sfinimento dal sintetizzatore, è stato scelto come sigla o colonna sonora.  Citiamo le più note: CSI – New York, Dr. House, Life on Mars.

Whole Lotta Love

One Of These Days

Baba’s O’Riley
Foto: http://www.rockisland.it/news-1585/led-zeppelin-reunion-senza-plant/
lYou need coolin’, baby, I’m not foolin’,
I’m gonna send you back to schoolin’,
Way down inside honey, you need it,
I’m gonna give you my love, X2

*Wanna Whole Lotta Love? X4

You’ve been learnin’, baby, I bean learnin’,
All them good times, baby, baby, I’ve been yearnin’,
Way, way down inside honey, you need it,
I’m gonna give you my love X2

* Chorus

You’ve been coolin’, baby, I’ve been droolin’,
All the good times I’ve been misusin’,
Way, way down inside, I’m gonna give you my love,
I’m gonna give you every inch of my love,
Gonna give you my love.
Yeah! All right! Let’s go!

* Chorus

Way down inside, woman, You need love.
Shake for me, girl, I wanna be your backdoor man.
Hey, oh, hey, oh, Oh, oh, oh, Keep a-coolin’, baby,
Keep a-coolin’, baby.

 

 

 

 

 

 

Powered by

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »