energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dalle foreste di Campigna a M. Falco e M. Falterona

Firenze – Domenica 30 giugno – Escursione: media, 6 ore, km 17, dislivello 700 m

Questo trek si sviluppa nelle foreste casentinesi e precisamente a partire da Campigna (1068 m), paese nel versante romagnolo subito dopo il passo della Calla. Dal rifugio “lo Scoiattolo” si imbocca la pista forestale per Cullacce e alla prima curva prendiamo il sentiero 247 che si inerpica, in un ambiente di grande suggestione, sull’antica strada maestra per la Calla e in un’ora arriviamo al passo (1295 m).

Attraversato il piazzale prendiamo il sentiero 00- Gea che si snoda in un bosco di faggio con alberi che non hanno il portamento colonnare come nei boschi sottostanti ma che presentano forme sempre più contorte, man mano che saliamo, e più a carattere cespuglioso.

Arrivati al rifugio Cai della Burraia (1451 m) il sentiero, sempre 00, attraversa ampie radure battute dai venti dove restano solo formazioni cespugliose come i mirtilli ed erbacee tra cui alcune sono protette perché specie rare come la “viola di eugenia” e “l’anemone a fiore di narciso” diffusi e ben visibili  in questo periodo proprio nei pressi di monte Falco, tetto assoluto dell’appennino tosco-romagnolo (1657 m) con uno stupendo punto panoramico che si affaccia sul versante dell’appennino. Da qui in 30 minuti è possibile arrivare fino al monte Falterona (1654 m) dal quale sul suo versante sud-ovest scaturisce l’Arno.

Torniamo quindi indietro fino a M. Falco e poco dopo incontriamo una deviazione a sinistra per il sentiero del Lupo (segnavia Gea, Soft e 00) che scende in un bosco di faggi in cui, a fianco del sentiero, incontriamo varie aperture dove in passato l’uomo produceva il carbone: le antiche carbonaie, di cui restano i chiari segni. Gli alberi che qui incontriamo, prevalentemente faggi e abeti bianchi, hanno di nuovo l’aspetto imponente che caratterizza la foresta casentinese.

Raggiunta la strada asfaltata la percorriamo verso destra per due km fino a raggiungere il piazzale-parcheggio di Fangacci alla cui estremità si imbocca il sentiero 251 che attraversa boschi di abeti bianchi e faggi che ci accompagnano fino a Campigna.

Percorso: Campigna, Passo della Calla, Burraia, Monte Falco, Monte Falterona, sentiero Lupo, Campigna.

Ritrovo: Tuscany hall (ex Obihall) ore 8 con auto proprie

Accompagnatore: personale trekking Italia.

Per iscriversi telefonare o recarsi direttamente nella sede del trekking Italia in via dell’Oriuolo 17 dove verrà rilasciata la tessera di socio dell’associazione (20 euro ad annum) e le informazioni utili per munirsi di adeguato equipaggiamento

 Orario di apertura: da martedì a venerdì ore 10-13; martedì, giovedì e venerdì ore 16-19

Per informazioni è possibile anche telefonare al numero dell’accompagnatore: 3343441737

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Translate »