energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Montagnola Senese – Anello di Santa Colomba

imageLa Montagnola senese è un Sito di Interesse Comunitario, istituito ai sensi di una direttiva comunitaria per la conservazione degli habitat naturali e seminaturali. L’area è stata popolata fin dall’epoca etrusca e romana, ma ha conservato un buon grado di naturalità ed una notevole diversità di habitat, offre rifugio a molte specie animali in via di estinzione ed anche ad endemismi, cioé specie che vivono solo in questo luogo. La Montagnola è un concentrato di castelli, pievi, eremi e altre bellezze architettoniche che nessuno immaginerebbe di incontrare. Infatti questo territorio era attraversato dalla Via Francigena, e da sempre è stato condizionato dalle attività dell’uomo come il taglio del bosco, l’allevamento dell’antica razza suina della cinta senese (che qui ebbe la sua culla), l’estrazione del marmo giallo di Siena (usato per la Cattedrale) e di una particolare pietra da costruzione, la “pietra da torre”.

Domenica 4 settembre Trekking Italia Toscana propone una escursione sulla Montagnola senese, l’anello di Santa Colomba, di livello facile/medio, 15 km di percorrenza, 400 m. di dislivello e circa 5-6 ore di cammino.
Si tratta di un itinerario di grande interesse storico-religioso: ha inizio nel comune di Monteriggioni, in località Santa Colomba, villaggio di origini medievali, dove si segnalano una grandiosa villa rinascimentale, realizzata tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo, attribuita a Baldassare Peruzzi, e la chiesa, al cui interno si trova un pregevole ciclo di affreschi: una natività, una crocifissione e una serie di santi.

Con una piacevole passeggiata nella tipica campagna senese, in cui si alternano campi coltivati e zone boschive, si raggiunge l’eremo di S. Leonardo al Lago (non visitabile), il cui nome ricorda il lago Verano, prosciugato nel XVIII secolo. Le prime notizie certe dell’edificio risalgono al 1112, ma potrebbe risalire anche ad un periodo antecedente. Dal 1239 fu assegnato agli Agostiniani e divenne meta di pellegrinaggio grazie alla presenza di notevoli personalità religiose locali, tra cui il beato Agostino Novello, che vi trascorse gli ultimi anni della sua vita e vi morì nel 1309. Tra il 1360 e il 1370, il coro fu interamente affrescato dal pittore senese Lippo Vanni, con un ciclo dedicato alla Vergine. Nel locale a pian terreno si trova un altro pregevole affresco: la Crocifissione (1445) attribuita a Giovanni di Paolo nel suo periodo giovanile.

Da S. Leonardo si raggiunge la località Piramide, dove è collocato l’ingresso della Galleria del Granduca (costruita dal 1766 al 1781), un canale fatto costruire dal gentiluomo senese Francesco Sergardi Bindi per prosciugare Pian del Lago, che all’epoca era una palude, e che in questa iniziativa dilapidò il proprio patrimonio. L’opera fu completata dal Granduca Leopoldo I che si assunse il merito dell’impresa. E’ possibile percorrere la galleria (che è lunga poco più di 2 km ed è completamente al buio) muniti di lampada frontale o torcia e scarpe impermeabili. Per coloro che soffrono di claustrofobia o acluofobia suggeriamo un itinerario alternativo all’aperto da S. Leonardo a Lecceto, segnalato con il numero 117 della sentieristica CAI.

Superata la galleria raggiungeremo l’eremo di Lecceto, un altro importante convento agostiniano del XII secolo. In origine era conosciuto come Foltignano e in seguito Selva del Lago, poi dal 1392 si è affermato il nome legato alla folta vegetazione del luogo. Non si conosce l’anno esatto di fondazione né il nome del fondatore, ma il documento più antico che ne parla risale al 1223, era dedicato a S. Salvatore. E’ sempre stato un punto di riferimento per frati dagli alti ideali, ma anche per i laici.
Per concludere l’anello passeremo per località Caldana (Sovicille)e torneremo al punto di partenza.

Coloro che desiderano partecipare all’escursione devono telefonare alla sede di Trekking Italia di Firenze ai numeri 055-2341040 o 055-2340998 nei giorni: da martedì a venerdì ore 10.00 – 13.00; martedì, giovedì e venerdì anche in orario pomeridiano ore 16.00 – 19.00. Per partecipare ai trek organizzati è necessaria l’iscrizione all’Associazione; la quota associativa è di € 20.
​​​​​​​​​Laura Alberighi

Print Friendly, PDF & Email
Translate »