energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

A 500 anni dalla morte di Leonardo, grande rassegna al Museo del Tessuto di Prato Breaking news, Cultura

Prato – I 500 anni trascorsi dalla morte di Leonardo da Vinci verranno ricordati dal Museo del Tessuto con una speciale rassegna di iniziative collaterali alla mostra attualmente in corso e che caratterizzeranno il programma culturale del Museo per tutta la Primavera.
Da marzo fino a maggio, profondi conoscitori del Maestro quali ad esempio Andrea De Marchi – curatore della mostra di Palazzo Strozzi “Verrocchio, maestro di Leonardo” – e Claudio Giorgione – curatore Leonardo, Arte e Scienza del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci – si avvicenderanno in un ciclo di conferenze per far conoscere al grande pubblico alcuni degli aspetti meno noti della sua creatività.
Non solo pittore, inventore, disegnatore, anatomista – come tutti ben sanno – ma anche progettista, architetto, scenografo, discipline con cui si confronterà durante il suo soggiorno milanese presso la corte di Ludovico il Moro.
Il programma si compone anche di visite guidate, laboratori per famiglie, visite spettacolo con attori, presentazioni di libri, workshop di cucito creativo.
Un calendario ricco e variegato che nasce, come accade oramai da alcuni anni, grazie alla preziosa collaborazione con enti ed associazioni culturali del territorio.

Giovedì 14 marzo alle ore 18.00 apre il ciclo di conferenze il prof. Andrea De Marchi, tra i maggiori esperti dell’arte del Quattrocento nonché curatore della mostra “Verrocchio, maestro di Leonardo” recentemente inaugurata a Palazzo Strozzi.
La bottega del Verrocchio nella seconda del Quattrocento era il centro del mondo: lì fervevano le idee più innovative che contribuirono alla formazione artistica di Perugino, Ghirlandaio, Botticelli e Leonardo, il suo allievo più famoso.
Il Prof. De Marchi ci accompagnerà in un viaggio alla scoperta degli anni di formazione di Leonardo, illustrandone gli esordi nella Firenze di Lorenzo il Magnifico. Un appuntamento unico da non perdere, programmato a pochi giorni di distanza dall’apertura della mostra di Palazzo Strozzi di Firenze.

Giovedì 28 marzo alle ore 21.00 sarà la volta di Flavio Crippa, fisico, studioso di tecnologie antiche soprattutto legate alle lavorazioni seriche, progettista di macchine del settore tessile, nonché autore dello straordinario modello di telaio meccanico – funzionante – in scala reale 1:1 conservato presso il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
La serata, dal titolo La “più bella e sottile invenzione” di Leonardo. Il telaio automatico e la sua interpretazione, è realizzata in collaborazione con l’Associazione ex Allievi ITIS Buzzi. Nel corso della serata verrà presentato il numero della rivista Notizie Nostre con uno speciale sulla mostra curato dalla conservatrice del Museo.

Durante il suo soggiorno milanese Leonardo fu anche sperimentatore di messinscene epocali create per le feste di corte di Ludovico il Moro. Di questo e delle sue invenzioni per un teatro pieno di meraviglie, macchine e marchingegni si parlerà giovedì 4 aprile alle ore 18.00 con Teresa Megale, docente di Discipline dello Spettacolo presso il SAGAS – Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte, Spettacolo dell’Università di Firenze.

A cura di Claudio Giorgione – curatore Leonardo, Arte e Scienza del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano- e in collaborazione con l’ordine degli Architetti e degli Ingegneri della Provincia di Prato la conferenza di giovedì 18 aprile ore 18.00 sul tema della Città Ideale che Leonardo studia per Ludovico il Moro e i cui disegni, databili tra il 1487 e il 1490, sono contenuti nel manoscritto B dell’Institut de France. Ancora una volta si rinnova la collaborazione con il Palazzo delle Professioni e con gli Ordini professionali, questa volta su un tema – come quello della pianificazione di un territorio – di grande respiro e di forte attualità.


Tutte le conferenze sono ad ingresso gratuito.

Seguendo il filo conduttore del “Leonardo inedito” giovedì 9 maggio alle ore 18.30 andremo alla scoperta di Leonardo viticoltore, grazie alla collaborazione con l’associazione fiorentina Chiave di Vino. Pochi infatti sanno che Leonardo coltivava una vigna a Firenze, attività che poi ha continuato anche a Milano ricevendone una in dono dagli Sforza. Una serata di degustazione di vini toscani intervallata da musiche e racconti inediti su uno degli aspetti più intimi di Leonardo.

Per il pubblico dei più piccoli torna la consueta programmazione di attività per famiglie. Un settore cin continua crescita, grazie anche alla professionalità dei partner che il Museo coinvolge ogni anno per arricchire la propria offerta alle famiglie.
Quest’anno non poteva che essere il Museo Galileo di Firenze il partner prescelto, con una proposta pensata per i ragazzi dai 7 ai 10 anni ispirata a Leonardo che unisce arte e scienza, in programma sabato 9 marzo alle ore 16.00 e in replica sabato 13 aprile.
Il programma per famiglie si compone di ulteriori appuntamenti consultabili alla pagina web https://www.museodeltessuto.it/attivita-famiglie-marzo-maggio-2019/

Tutto il calendario, nonché le informazioni sui costi e le modalità di partecipazione sono consultabili sul sito https://www.museodeltessuto.it/mostra-leonardo-da-vinci-programma-eventi/

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »