energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

A Firenze il primo sportello nazionale pensioni per Albanesi, un progetto pilota del Patronato Acli Società

Ancora una volta il Patronato Acli di Firenze è capofila di un progetto assistenziale, un’esperienza-pilota a livello nazionale: il primo sportello previdenziale per immigrati albanesi, a cui tutti i cittadini albanesi che vivono e lavorano in Italia possono rivolgersi. Lo sportello infatti è rivolto esclusivamente agli immigrati albanesi. In viale Belfiore 4, tutti i venerdì dalle 13,30 alle 17,30 verranno fornite, da personale altamente specializzato, informazioni su tutti gli aspetti previdenziali italiani, ma anche sui permessi di soggiorno , sulla lettura delle buste paga e altro. Lo speciale sportello  svolgerà anche le pratiche  della  previdenza albanese in merito al loro periodo contributivo in Albania o per i  versamenti volontari e pratiche analoghe. Il Patronato Acli farà la richiesta della relativa documentazione sull’anzianità lavorativa all’ ISSH, l’Istituto di Previdenza albanese,  attraverso la compilazione di  appositi formulari in albanese e in italiano, attraverso i quali sarà inviata richiesta  all’ISSH per via telematica. Infoline allo 055/35.78.24.

Ma c’è un'altra notizia che riguarda le Acli: un nuovo exploit di Enrico Fiori, neo Vice Presidente regionale Acli Toscane nonché presidente Acli Arezzo, che durante il Congresso Nazionale a Roma – che ha rivisto la conferma come Presidente Nazionale di Andrea Olivero – ha consegnato alla Ministro Elsa Fornero un manifesto in cui è raffigurata Nonna Papera che chiede di andare in pensione. Nel manifesto delle Acli aretine Nonna Papera esclama: “Elsa,mandami in pensione”, con un chiaro riferimento agli esodati. Nel manifesto però non c’è solo questa battuta ma ci sono le proposte delle Acli aretine  sui gravi problemi del lavoro. Il Ministro ha sorriso cordialmente, ha stretto la mano a Fiori e si è riferita al manifesto aretino nel suo intervento al congresso. Fiori, dopo aver consegnato in passato un manifesto – anche i ricchi paghino le tasse – all’allora Ministro Tremoni e poi a Bersani, continua  così il suo excursus stile Le Iene televisive tra i governanti italiani. Fiori ha precisato “che al di là dell’ironia il problema del lavoro pesa come un macigno, che occorrono provvedimenti a favore dei giovani, occorre un’imposta sui veri grandi patrimoni, una tassazione delle rendite finanziarie e investire sui beni comuni”.

Foto: www. multimedia.quotidiano.net

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »