energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

A Rifredi per Santo Stefano, Turchi ed Obbadi tornano sul ring Sport

Firenze – Fabio Turchi e Mohammed Obbadi, due campioni emergenti approdati di recente nel mondo del professionismo, accentrano su di loro un grandissimo interesse degli appassionati del pugilato.

Dopo aver trionfato a Ferrara – Turchi, era al suo debutto e Obbadi al quinto incontro – nella settimana scorsa hanno combattuto di nuovo a Scandicci ed il palazzetto dello sport, capienza 1500 posti, non è riuscito a ospitare tutti gli appassionati che erano arrivati a Scandicci.

Sono reclamati a gran voce dagli sportivi. Al maestro Alessandro Boncinelli che dirige i due campioncini sono arrivati tanti inviti a far combattere di nuovo Turchi ed Obbadi. Tante richieste saranno soddisfatte. La riunione è fissata a Firenze, nel palazzetto dello sport di Rifredi, per il pomeriggio ( ore 16) del 26 dicembre giorno di Santo Stefano.

Per il 22enne massimo leggero Fabio Turchi sarà il terzo incontro da professionista. I due avversari che ha già incontrato sono rimasti in piedi pochi minuti (il bosniaco Adis Dadovic incontrato a Ferrara è crollato al tappeto dopo solo un minuto ed un secondo.) Il prossimo avversario (uno straniero) non è stato ancora scelto. Comunque il match sarà sulla distanza delle sei riprese.

 Grande attesa anche per Mohammed Obbadi, peso mosca, pugile dell’Accademia Fiorentina che Boncinelli definisce uno dei più forti pesi mosca in attività. Obbadi ha disputato sei matches. Ha sempre vinto prima del limite. Non solo. Ha pure sciorinato una boxe di grande livello tecnico. Il

ragazzo è originario del Marocco, vive a Cascina da una decina di anni – ma quasi ogni sera arriva a Firenze per allenarsi nella palestra dell’Accademia Fiorentina. A maggio del prossimo anno avrà la tanto sospirata cittadinanza italiana.

La riunione di Santo Stefano a Rifredi comprende anche cinque incontri dilettanti.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »