energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

A San Casciano Val di Pesa si mangia medievale Turismo

Dopo il successo delle due edizioni precedenti, anche nel 2012 San Casciano Val di Pesa sarà teatro del Carnevale medievale. La manifestazione, promossa dal Comune sancascianese, dai cittadini, da numerose associazioni culturali, dalla Pro Loco e dalla Banca del Chianti fiorentino, rievocherà le gesta del condottiero trecentesco Castruccio Castracani. I vessilli delle cinque contrade di San Casciano (Cavallo, Gallo, Giglio, Leone e Torre) sventoleranno fra le mura della cittadina e figuranti in costumi medievali animeranno le vie sancascianesi. Rievocazioni storiche, giochi medievali, cantastorie, sfide fra eroi, mercatini con prodotti artigianali e musiche medievali caratterizzeranno anche l’edizione del 2012 del Carnevale di San Casciano. Come nelle edizioni 2010 e 2011, poi, le cinque contrade di questa vera e propria terra di mezzo fra Firenze e Siena si sfideranno nelle prove del tradizionale torneo del Carnevale: corsa delle carriole, gara del ferro di cavallo, caccia al tesoro e tanto altro ancora. La contrada del Giglio, però, ha organizzato per domenica 20 novembre un’iniziativa autonoma che anticipa il Carnevale ma ne mantiene lo spirito medievale. Al ristorante La Botte, infatti, si mangia medievale. Per 18 euro (10 per i bambini fra i 7 e i 12 anni, mentre i bambini sotto i 6 anni no pagano) i partecipanti del convivio sancascianese potranno gustare pietanze del Trecento (fettunta del contado, pancia di porco salata, pasta al sugo del Podestà, zuppa gialla, fette di bove all’uso medievale, salsicce alla brace, fagioli con olio nuovo, pane artigianale e biscotti dei templari) accompagnate dal vino dolce dell’Ippocrasso, dal liquore dei monaci e dal vino rosso di Mercatale Val di Pesa. A servire ai tavoli ragazzi e ragazze di San Casciano vestiti con costumi dell’epoca, per un pranzo che sarà un vero e proprio tuffo nel passato.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »