energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

A un giapponese l’assegno di ricerca “Paolo de Bartolomeis” Cultura, Innovazione, STAMP - Università

Firenze – Un giovane matematico giapponese,Yoshinori Hashimoto, laureato a Cambridge e PhD all’University College di Londra, è il primo vincitore dell’assegno di ricerca intitolato a Paolo de Bartolomeis, docente di matematica all’Università di Firenze membro dell’Unione matematica italiana e dell’American Mathematics Society, scomparso improvvisamente il 29 novembre 2016 all’età di  64 anni.

L’assegno di ricerca annuale nelle materie insegnate da de Bartolomeis (analisi complesse molte variabili e geometria differenziale) è stato promosso e finanziato dalla moglie di de Bartolomeis Vittoria Franco e adottato dal Dipartimento di Matematica e Informatica Ulisse Dini dell’Università di Firenze. Una commissione composta da 2 studiosi stranieri e uno italiano di grande prestigio internazionale hanno valutato la domanda presentata da 13 ricercatori (60% proveniente dall’estero) che hanno presentato progetti nella grande maggioranza della più alta qualità scientifica. 

Il nome del vincitore dell’assegno di ricerca verrà annunciato il 29 novembre prossimo (ore 9,30), quando nell’Aula Magna del Rettorato de Bartolomeis verrà ricordato a un anno dalla morte con un cerimonia nel corso della quale verranno letti dall’attrice Daniela Morozzi (musica di Alda dalle Lucche)  alcuni brani tratti da libri ai quali lo scienziato teneva molto: L’Aleph di Jorge Luis Borges, Montagne di una vita dello scalatore Walter Bonatti dedicato ai suoi studenti, Colloqui sull’arte con me stesso del padre Francesco e l’Infinito d Leopardi.

Saranno il rettore Luigi Dei e il sindaco di Firenze Dario Nardella ad aprire la cerimonia che vedrà una conferenza del matematico francese  Jean-Pierre Bourguignon, presidente dell’European Research Council, e un intervento sulla figura di de Bartolomeis di uno dei suoi primi allievi, Luca Migliorini dell’Università di Bologna.

 

Foto: Paolo de Bartolomeis

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »