energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

A Viviani il Giglio d’Oro: “Penso alla Sanremo, Tour e Olimpiadi” Sport

Calenzano – Pieno successo della cerimonia per la consegna del Giglio d’oro ad Elia Viviani svoltasi presso il Meridiano Country Hotel e Ristorante Carmagnini del ‘500 a Pontenuovo di Calenzano

Viviani, che si è aggiudicato per la seconda volta consecutiva l’ambito riconoscimento, nel ringraziare gli altri popolari ospiti ed il pubblico che affollava il salone dell’hotel, ha detto che tra i suoi pensieri ci sono la Milano-Sanremo, il Tour de France e le olimpiadi di Tokyo (niente Giro d’Italia) indossando la sua nuova maglia del Team Cofidis.

Una curiosità, singolare, nuova per il Giglio d’Oro è stata la premiazione di Elena Cecchini, fidanzata di Elia Viviani. Premiata non in quanto compagna di Viviani, ma per meriti acquisiti nel ciclismo rosa. La Cecchini è una stella del nostro ciclismo femminile quest’anno medaglia d‘argento agli europei e campionessa d’Italia nella cronometro. Una copia felice e vincente.

Gli altri premiati Richard Carapaz, vincitore del Giro d’Italia (lo ha ritirato il direttore sportivo Max Sciandri); ; Davide Formolo “tricolore” 2019; la rivelazione della stagione Edoardo Affini al quale è stato assegnato anche il Premio Gastone Nencini (premio consegnato da Elisabetta figlia del campione mugellano);  mentre il Premio Alfredo Martini lo ha ricevuto Cesare Prandelli già allenatore di calcio della nazionale e della Fiorentina (gli è stato consegnato da Silvia e Milvia figlie di Martini). “Sono orgoglioso di ricevere un premio nel nome di Martini, icona del nostro ciclismo – ha detto Prandelli -con il quale spesso sono stato in contatto. Come allenatore ora sono libero, ma pronto a sedermi di nuovo su una panchina”.

Riconoscimenti particolari al giovane junior Antonio Tiberi, campione del mondo a cronometro. Ed ancora sul palco Edoardo Chiazzi (Rai) e Antonio Mannori (La Nazione) per la stampa; Riccardo Lorello, esordiente della Ciclistica “Fosco Bessi” di Calenzano a cui è andato il Memorial Tommaso Cavorso un promettente esordiente in un recente passato travolto ed ucciso da  un’auto mentre era in allenamento sulle strade del Mugello.

Foto: Elia Viviani

Print Friendly, PDF & Email

Translate »