energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Accademici pisani realizzano un metodo per produrre silicio in modo semplice ed economico STAMP - Università

Un gruppo di ricerca dell'Università di Pisa ha sviluppato un'innovativa tecnologia di mircolavorazione per produrre il silicio. Grazie alla scoperta effettuata nei laboratori del Dipartimento di Ingeneria dell'Informazione, è cioè possibile realizzare il silicio mediante un processo elettrochimico che permette di non utilizzare costosi macchinari e complessi processi di lavorazione. Il silicio è il materiale fondamentale con il quale vengono realizzati i circuiti elettronici ed è di fondamentale importanza per molti settori dell'industria, fra i quali quelli delle automobili e quella biomedicale. La lavorazione del silicio degli accademici pisani, che ha anche conquistato la copertina della rivista scientifica "Advanced Functional Materials", prevede l'utilizzo di una cella elettrochimica, ossia di una cella molto più semplice e meno costosa delle apparecchiature attualmente usate per le microstrutture di silicio con elevata flessibilità. Servono, cioè, soltanto un contenitore di plastica, una soluzione di acqua ed acido fluoridrico ed un contatto elettrico per far passare la corrente. Una piastrina di silicio viene messa a contatto con una soluzione acquosa contenente una piccola percentuale di acido fluoridrico, quindi si applica una tensione fra la piastrina di silicio (che funge da anodo della cella elettrochimica) ed un filo di platino (che funge da catodo) che rimane immerso nella soluzione acquosa. Controllando la corrente che scorre nella cella e rimuovendo il silicio, è così possibile fabbricare strutture di silicio come tubi, punte, spirali, piani, fori di dimensioni micrometriche, mircosistemi complessi o sistemi optofluidici.

Foto: http://www.tecnoatocha.wordpress.com

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »