energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Addio a Valeria Ronzani, giornalista colta e appassionata Breaking news, Cronaca

Firenze – Lutto nel mondo del giornalismo fiorentino. A 66 anni è scomparsa Valeria Ronzani a lungo collaboratrice de Il Corriere Fiorentino e de Il Sole 24 Ore. Era malata da tempo. Laureata in storia dell’arte, in contatto con la realtà dei beni culturali, aveva studiato molti anni lirica come soprano solista. Da giornalista si occupava di cultura, prevalentemente arte, musica operistica e fondazioni lirico sinfoniche. Ma era anche direttrice del sito Words in Freedom, e già direttrice responsabile di Rete Toscana Classica.

Numerosi gli attesati di cordoglio e di affetto che si stanno susseguendo sui social da parte di giornalisti, giornaliste, responsabili della comunicazioni di enti e realtà cittadine, referenti delle istituzioni e della cultura del territorio. “Per noi soprattutto Valeria era una cara amica dell’ORT – sottolinea in una nota l’Orchesta regionale toscana -. Più volte ha seguito e commentato la nostra attività collaborando anche con la Fondazione.  Indimenticabile per tutti quelli che la conoscevano, aveva una vivacità intellettuale che non passava inosservata. Ci mancherà, ci sta già mancando”. Tommaso Sacchi, assessore alla cultura del Comune di Firenze la ricorda così sul suo profilo social: “La vita di Valeria Ronzani deve insegnare a tutti una cosa molto importante: saper inseguire tenacemente le proprie passioni e competenze con determinazione anche quando la corsa è “a ostacoli”. Valeria inoltre ha ricordato alla politica e a noi tutti di non abbassare la guardia su barriere architettoniche e accessibilità, cardini di una città aperta e civile. Ciao Valeria, mancherai tanto al mondo della musica e del giornalismo”.

Infine la Biblioteca Nazionale centrale: “La notte scorsa ci ha lasciati la collega Valeria Ronzani. Storica dell’arte, giornalista curiosa e dai molti interessi, oltre alla collaborazione con il Gabinetto Stampe della nostra Biblioteca, ha contribuito negli anni a molte iniziative espositive tra cui la mostra “Far libro: libri e pagine d’artista in Italia”, da cui ha avuto inizio l’importante “Fondo di documentazione d’artista” della BNCF. Valeria aveva inoltre lavorato ai canali social della biblioteca nei primissimi anni della loro creazione, credendo molto nella loro funzione e nelle loro potenzialità, consegnandoli con affetto a chi se ne occupa adesso durante la malattia che la accompagnava ormai da tempo, e continuando a seguirli con interesse costante. Cara Valeria, ti salutiamo anche da qui con lo stesso affetto”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »