energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Adozioni, più sostegno alle coppie dalla Regione Società

Un accordo di collaborazione e una convenzione per supportare le coppie che intendono dare inizio all’iter di adozione: sono questi, i due nuovi strumenti con cui la Regione Toscana ha deciso di intervenire a supporto delle coppie che si apprestano all’adozione sia nazionale che internazionale. Per quanto riguarda l’accordo, sono state stabilite le modalità di intervento per assistere le coppie nelle varie fasi del percorso, mentre la convenzione mette in essere un fondo da 300mila euro che va a coprire gli interessi sui prestiti contratti durante le tappe dell’iter. La duplice firma è avvenuta oggi nella sede della giunta regionale in piazza Duomo, tra Regione, i comuni capofila dei 4 Centri di adozione toscani (Firenze, Prato, Pisa, Siena) e gli enti autorizzati per l’adozione internazionale presenti sul territorio.
Ma quanto incide l’istituto dell’adozione nel territorio toscano? I dati forniti a fine 2011 dal Centro regionale di documentazione per l’infanzia e l’adolescenza gestito dall’Istituto degli Innocenti a Firenze, fotograno un quadro lievemente in diminuzione per quanto riguarda le dichiarazioni di adottabilità: nel 2010 i bambini e ragazzi dichiarati adottabili dal Tribunale per i Minorenni di Firenze sono stati 34, dato che si discosta al ribasso rispetto all’oscillazione che si è registrata fra il 2001 e il 2009, il cui  valore è sempre restato tra le 40 e le 50 unità.
Rispetto al 2009 diminuiscono soprattutto le adozioni dei bambini sopra i 4 anni di età, mentre rimangono pressoché invariate quelle dei bimbi con meno di un anno: negli ultimi tre anni 72 casi sui 121 totali (nel 2010 i bambini adottati che ancora non hanno compiuto un anno sono 24 su 34). E un dato emerge in particolare: le adozioni nazionali in Toscana rimangono un fenomeno piuttosto limitato, all’incirca una su dieci del totale delle adozioni realizzate. Le restanti nove sono adozioni internazionali.
Per quanto riguarda il  numero di coppie che hanno fatto domanda di adozione nazionale nel 2010 sono state 613, circa l’8% in meno rispetto al 2009. 398 quelle che hanno fatto richiesta di adozione nazionale e internazionale, a conferma della tendenza dei due anni precedenti, cioè di un effettivo ridimensionamento del fenomeno, a partire dal 2004, quando le domande congiunte furono 574.
Aumenta invece, seppur lievemente,  il tempo che trascorre tra la presentazione della domanda di adozione nazionale e l’adozione stessa: 3,9 anni, rispetto ai 3,1 e 3,2 rispettivamente del 2009 e del 2008. Tempo medio  che rimane comunque inferiore a quello necessario per l’adozione internazionale (anch’esso in aumento) che nel 2010 è stato pari a 4,4 anni. 40,2 e 38,1 anni sono l’età media di marito e moglie che nel 2010 hanno effettuato un’adozione nazionale. Sono valori più bassi rispetto all’adozione internazionale (44,9 e 43,1 anni).
Le adozioni internazionali, dal 2002, sono costantemente a cresciute: 185 nel 2003, 266 nel 2005, 290 nel 2007 e 409 nel 2009. Questo trend, nel 2010, si è interrotto con 353 adozioni, 55 in meno. Tra il 1999 e il 2010 il Tribunale per i minorenni di Firenze ha decretato 3.701 adozioni internazionali. I bambini con meno di 5 anni sono in media, ogni anno, il 45% del totale.
Riguardo a genere ed età, il dato rimane costante negli anni: sono più numerosi i maschi rispetto alle femmine, così come i bambini sotto i 6 anni rispetto a quelli più grandi. I bambini adottati in adozione internazionale sotto i 5 anni mediamente ogni anno sono il 45% dei casi. Per quel che concerne la provenienza, nel 2010 la Colombia è risultato il paese con il più forte incremento, in termini assoluti, rispetto all’anno precedente passando da 16 a 41 adozioni. La Colombia è così diventata il secondo paese di provenienza, lasciando il primato alla Federazione Russa che però ha visto calare le adozioni dalle 76 del 2009 alle 50 del 2010. In aumento anche Perù (+12), Moldova (+9) e Cina (+7). Anche il Brasile ha accusato un vistoso calo: da 40 a 13, così come India (-14), Ucraina (-14) e Cambogia (-11).

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »