energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Aeroporto Ampugnano, rinvio a giudizio per Mussari Cronaca

Primo rinvio a giudizio per l'ex presidente di Banca Monte dei Paschi Giuseppe Mussari e altre otto persone per la vicenda dell'aeroporto di Ampugnano. Il porvvedimento è giunto ieri sera. Mussari sarà processato per l'ampliamento e la privatizzazione dell'aeroporto che si trova nel comune di Sovicille (Siena). E' accusato di falso ideologico in concorso e turbativa d'asta. Il gup Monica Gaggelli, dopo due ore di camera di consiglio, ha fissato la prima udienza per il 24 ottobre 2013.
Fra gli indagati dal pm Antonino Nastasi anche l'ex consigliere della Cassa Depositi e Prestiti Luisa Torchia; l'ex amministratore di Galaxy Fund Corinne Suzanne Namblard; l'ex provveditore della Fondazione Mps Marco Parlangeli; due ex presidenti della società Aeroporto di Siena, Lorenzo Biscardi ed Enzo Viani; i componenti della commissione di valutazione della procedura Antonio Romoli e Raffaele Rizzi. Il reato contestato è concorso in falso ideologico e turbativa d'asta per tutti, mentre Viani, Biscardi e Rizzi sono accusati anche per falso.
Prosciolti Roberto Boccucci, Genola Aude Chareton, Riccardo Raimondi, Marcello Rustici, Roberto Tomasetti e anche Viani dall'accusa di abuso d'ufficio. I primi cinque escono quindi dal processo. Corinne Suzanne Namblard e l'ultimo presidente di Aeroporto Siena Claudio Machetti, saranno invece processati per falso ideologico in atto pubblico.

L'inchiesta su Ampugnano partì da una "rivolta" popolare, che dette vita a un comitato contro l'ampliamento dell'aeroporto di Ampugnano, dapprima per ragioni legate all'ambiente, ma che poi finì per rivolgersi contro la compagine societaria. E fu proprio un esposto del comitato a dare il "la" all'inchiesta. Le indagini su Ampugnano vennero avviate nel 2009, con una serie di accertamenti che gli inquirenti effettuarono sulle procedure seguite nel 2007 per definire il socio privato dello scalo, il cui ingresso nella societa era motivato principalmente   dall'ampliamento dello scalo senese. A vincere la gara privata fu il fondo di investimento francese Galaxy, che entrò in Aeroporto di Siena spa con una sua quota di capitale, sequestrata nel corso delle indagini, affiancando le partecipazioni azionarie di Comune e Provincia di Siena, Comune di Sovicille, Camera di commercio, Banca Mps e Aeroporto di Firenze spa.
Un passaggio perlomeno "torbido", quello della gara: secondo il pm Nastasi, la procedura fu ''pilotata'' proprio per far entrare Galaxy. Fu l'esposto dei cittadini a dare dunque il via a una vicenda giudiziaria che ha  portato al rinvio a giudizio di 14 persone.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »