energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Aeroporto, Rossi all’Enac: “A Peretola pista di 2mila metri” Economia

Firenze – “In questo Paese i poteri sono diffusi. Noi abbiamo un atto della Regione Toscana e del Consiglio che parla di 2.000 metri” per la pista convergente-parallela di Peretola. “Presentino se vogliono le loro valutazioni sul piano
della sicurezza e sul piano ambientale. Diremo la nostra facendo riferimento all’atto che ha adottato la Regione. Se vogliono contenziosi legali, siamo ben disposti ad affrontarli“.

Lo dichiara il presidente della Giunta regionale, Enrico Rossi a margine della presentazione di un nuovo convoglio Vivalto alla stazione di Santa Maria Novella. Una replica dura alle  indiscrezioni su una decisione imminente da parte dell’authority dei voli, Enac, che riunirà il proprio consiglio d’amministrazione il 22 settembre in favore della pista più lunga dell’hub fiorentino, nel tracciato di 2.400 metri. Il governatore punzecchia i vertici per una presunta incoerenza di  posizioni tenute sul nodo aeroportuale: “Il Consiglio regionale, a partire da una richiesta fatta a suo tempo dall’Enac, che poi evidentemente dovrà spiegarci perché ha cambiato opinione, ha fatto una variante per 2000 metri e noi a quella ci atteniamo”.

Ad ogni modo, Rossi vuole mandare un messaggio di rassicurazione all’altro scalo toscano, il Galileo Galilei di Pisa, che negli scorsi mesi ha animato un duro braccio di ferro sulla variante al Pit, per i timori di un prosciugamento del traffico passeggeri in favore di Peretola: “Non ha nulla da temere Pisa, perché il punto fondamentale della regolazione del
traffico- spiega ai giornalisti- riguarda la monodirezionalità e l’assenza della pista di rullaggio, che noi non abbiamo previsto proprio perché non si avesse l’idea di far diventare l’aeroporto di Firenze un aeroporto intercontinentale, che non va bene. La nostra linea- sottolinea- e molto chiara: sono 2.000 metri. Abbiamo tutta la disponibilità a valutare in termini di sicurezza: l’Enac e l’Enac, poi c’è la Regione, l’Arpat, tutti gli enti”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »