energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Aeroporto Under 16: è dei lanieri un combattutissimo derby Sport

Due mete per parte, tanto agonismo e pathos degno delle migliori tradizioni di un derby tra Firenze e Prato, due squadre che giocano un rugby di buon livello. Alla fine, nel sostanziale equilibrio che ha contraddistinto gli oltre 60 minuti di gioco, la gioia dell’affermazione premia i ragazzi dell’Unione Rugby Prato Sesto, che sfruttano per intero le due opportunità costruite e mettono 14 punti sul tabellone, riuscendo a trasformare entrambe le segnature. Firenze è costretta a subire la seconda e consecutiva sconfitta stagionale e pur giocando ad un miglior livello rispetto all’ultima esibizione, deve fare i conti con i propri errori per giustificare la sconfitta di misura nel derby della piana fiorentina. I tredici punti realizzati sono frutto di due mete non trasformate e di una punizione messa a segno.

Parte fortissimo il XV di casa e mette sotto costante pressione i fiorentini nella propria metà campo, con una mischia che molto soffre nella fase di introduzione e una linea di tre quarti in affanno a tamponare i veloci cambi di gioco dei padroni di casa. Dopo sette minuti arriva la meta dei locali con una bella corsa prossima alla linea di touche che i fiorentini non riescono ad arginare. Da una posizione assai angolata lo specialista delle trasformazioni pratese non sbaglia e il punteggio va sul 7 a 0. Reagisce la squadra biancorossa che inizia a farsi aggressiva con la linea degli avanti e riesce a recuperare molti palloni che la mediana trasforma in un bel volume di gioco, non sempre sfruttato al meglio dalla linea dei tre quarti che talvolta pecca nel “timing” del passaggio dando così la possibilità ai pratesi di portare il giocatore a terra e interrompere situazioni di inferiorità numerica. La pressione fiorentina frutta comunque una meta, messa a segno dal primo centro D’Aliesio a conclusione di un buon attacco manovrato. Davvero infelice l’esito della trasformazione e punteggio che muta in 7 a 5.

Seguono altre buone occasioni di incrementare il punteggio da parte dei fiorentini, ma pure i padroni di casa hanno le proprie che sfumano per la buona capacità di chiusura della difesa biancorossa, un sostanziale equilibrio dunque, dopo i primi 10 minuti di sfuriata pratese, conduce le due squadre all’intervallo a punteggio invariato. Nel secondo tempo si registra una marcata pressione dei fiorentini nei 22 pratesi, con gli ospiti che sono costretti a concedere un calcio di punizione da una posizione assai favorevole e che Matteoni non sbaglia. Il punteggio cambia nuovamente in 7-8 e poco dopo è ancora il mediano di mischia fiorentino a sfruttare un raggruppamento prossimo alla linea di meta pratese per eludere la marcatura del diretto avversario e portare il pallone in meta, non lontano dai pali. Purtroppo la trasformazione va fuori e il punteggio varia nella misura minima in 7 a 13. Si succedono azioni combattute di attacco da entrambe le parti, i pratesi reagiscono con determinazione al risultato parziale e trovano la misura giusta per un attacco dei tre quarti che i fiorentini non riescono ad arginare per realizzare la seconda meta che, trasformata, li porta così in vantaggio: 14-13 a tre soli minuti dalla fine. L’assalto biancorosso è rabbioso e affidato a iniziative personali e muscolari ma viene contenuto da una buona organizzazione di gioco dei padroni di casa che al triplice fischio del direttore di gara hanno ben ragione di esultare per l’esigua ma meritata vittoria. Ai ragazzi di Difrancescantonio, Orsecci, Falleri e Bianco resta l’amaro per una sconfitta maturata nelle fasi finali del confronto e la consapevolezza che una maggior concretezza in fase realizzativa, unita ad una miglior gestione delle fasi di gioco offensive avrebbe certo determinato un risultato diverso. Maggiore umiltà servirà di certo nel prossimo turno di campionato: domenica prossima al Padovani arriva l’imbattuto Perugia Rugby, secondo in classifica, e sarà indispensabile che i 22 selezionti per affrontarlo diano veramente il meglio di sé.

URPS – Aeroporto Firenze Rugby: 14-13 (4-1)

La formazione: Loreto; Stellini, Bartolini, Biagini, Mori, Di Donna, Cervellati, Cosi (Cap.), Matteoni, Magnelli, Papini, D’Aliesio, Landini, Rovini, Gentili. A disposizione: Panerai, Michelagnoli, Fossati, Nardoni, Lo Castro, Ferrami, Vanoli.

Foto: Paolo Matteoni

Print Friendly, PDF & Email

Translate »