energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Affitti e diritto allo studio, nasce una piattaforma on line per gli studenti universitari Notizie dalla toscana

Firenze –  Canoni degli affitti lievitati per Firenze, città affollata di turisti, e le conseguenze ricadono anche sugli studenti universitari. Al dato di fatto, la Regione non si fa trovare impreparata, approntando una serie di iniziative per dare una mano agli studenti,  in particolare promuovendo un nuovo strumento che avrà efficacia dal prossimo anno. Infatti, per quanto riguarda gli studenti che non hanno i requisiti per godere di borse di studio ed aiuti, dall’anno prossimo sarà operativa una piattaforma on line che li aiuterà a trovare una stanza sul mercato in case ‘certificate’. Lo strumento si rivolge anche  ai proprietari, aiutandoli a promuovere la propria offerta, con un servizio di assistenza per entrambi nella fase di contrattazione. L’Azienda per il diritto allo studio ha concluso la gara per l’individuazione del partner tecnico ed entro la fine del 2019 inizieranno i primi test.

La piattaforma nasce per aiutare gli studenti che hanno vinto una borsa di studio e devono aspettare alcuni mesi per avere magari una stanza assegnata nella residenza universitaria, ma potrà essere utile anche ai fuori sede che una borsa di studio non ce l’hanno.

“Tutti gli strumenti utili a far rientrare in un circuito virtuoso gli alloggi, siano ben venuti. L’importante è che non siano strumenti solo virtuali, ma siano usufruibili in modo fattivo da parte degli utenti più svantaggiati , in questo caso gli studenti”, commenta la segretaria regionale del Sunia Laura Grandi. 

In ogni caso il nuovo governo sul diritto allo studio dovrà fare di più. “Le risorse nazionali sono state fino ad oggi altalenanti – spiega Barni -: il tema dovrà essere nell’agenda del nuovo governo. Ma in questi anni la Regione Toscana ha continuato comunque ad investire, prima fra le regioni italiane con risorse proprie, per garantire il diritto all’accesso all’università e per la costruzione di città universitarie accoglienti”.

E’ aumentato così , ad esempio, il valore del contributo affitto destinato agli studenti in attesa di un alloggio nelle residenze universitarie: passato da 175 a 250 euro al mese. Si tratta di un aiuto per chi, temporaneamente, deve rivolgersi ad una soluzione di mercato. Sono 460 mila euro previsti per l’anno accademico alle porte. “E comunque nel corso dell’anno il cento per cento degli studenti che ne hanno diritto sono sempre entrati nelle residenze universitarie” precisa l’assessore: un risultato reso possibile anche dagli investimenti fatti. Sono 4531 i posti letto in tutta la Regione: 1650 solo a Firenze, dove nuovi alloggi sono peraltro in costruzione a Careggi di fronte al polo sanitario.

Sono state poi riviste, semplificandole, le fasce delle borse di studio: l’anno scorso erano tre (da zero a 9 mila euro Isee, da 9 a 14 e da 14 a 23) mentre quest’anno sono due (da 0 a 15 mila euro e da 15 mila a 23,5). E l’importo delle borse della seconda fascia è leggermente aumentato, dal 5 al 10 per cento, a beneficio di studenti con livelli Isee più elevati, l’indicatore che sintetizza reddito e patrimonio familiare. Chi ha un Isee superiore ad 15 mila euro l’anno (ed inferiore a 23,5) potrà dunque contare su assegni mensili di 750 euro (fuori sede), 1050 euro (in sede) e 1500 euro (pendolari). La maggiore spesa è quantificata in un milione e 865 mila euro. E grazie alla carta unica “Studente della Toscana” è possibile l’accesso a tutti i servizi di diritto allo studio offerti sul territorio regionale, a prescindere dall’ateneo di inscrizione, a quelli delle università e ad agevolazioni p er attività culturali.

“Tutte modifiche – ricorda Barni – che che sono state apprezzate dai rappresentanti degli studenti, che hanno espresso parere favorevole agli indirizzi indicati dalla Regione”. “Sono state inoltre state confermate – conclude Barni – anche le politiche sul trasporto pubblico locale: grazie alla convenzione stipulata con Ataf, gli studenti iscritti all’università di Firenze potranno girare sui mezzi pubblici cittadini da ottobre ad agosto pagando solo 48 euro l’anno. Un’operazione anche questa di sostegno al diritto allo studio”.

Per saperne di più:

Firenze e affitti, neppure gli studenti trovano più casa

Caro affitti studenti, Firenze terza dopo Milano e Roma

Print Friendly, PDF & Email

Translate »