energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Agevolazioni per i dipendenti in difficoltà dell’Università di Firenze STAMP - Università

L'Università di Firenze istituirà un fondo di sostegno per i propri impiegati che versano in situazioni economice non felici. Lo ha annunciato il rettore dell'Ateneo fiorentino, Alberto Tesi, spiegando che l'accordo con le organizzazioni sindacali è stato raggiunto nella giornata di ieri, lunedì 8 luglio. “Le manovre economico-finanziarie degli ultimi anni, con il blocco della contrattazione collettiva nazionale e delle retribuzioni  – ha spiegato il rettore del capoluogo toscano – hanno avuto l’effetto di ridurre il potere di acquisto degli stipendi e hanno di fatto peggiorato le condizioni di vita del personale tecnico amministrativo dell’Ateneo. Abbiamo costituito un gruppo di lavoro per trovare delle soluzioni che potessero almeno mitigare gli effetti di questa situazione: è la prima volta che l’Università di Firenze, d’accordo con le organizzazioni sindacali, adotta delle azioni di questo tipo”. Grazie a questo fondo di solidarietà saranno destinati al personale tecnico-amministrativo degli aiuti per spese da sostenere in caso di decesso di un familiare o a gravi malattie che richiedano assistenza e terapie solo parzialmente coperte dalla contribuzione socio-sanitaria, oppure per  cure mediche di tipo specialistico. Il fondo, inoltre, è destinato anche a coloro dei 1.500 dipendenti dell'Università di Firenze che debbano sostenere spese per l'asilo nido. A breve l'Ateneo del capoluogo toscano pubblicherà un bando al quale il personale tecnico-amministrativo potrà aderire per richiedere un contributo. Il totale assegnato al fondo è di 200.000 euro e sono previste anche riduzione per quanto concerne le tasse universitarie nel caso che i lavoratori dell'Università di Firenze abbiano dei figli che studiano presso lo stesso Ateneo per il quale lavorano.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »