energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Agli Uffizi le opere del Botticelli in sala 41 fino alla primavera 2016‏ Cultura

Firenze – Novità alla Galleria degli Uffizi dove i dipinti più celebri di Botticelli sono stati temporaneamente trasferiti in un vasto ambiente accessibile dal Terzo Corridoio (Sala 41), dove in passato erano collocate le monumentali tele di Rubens. La sala è stata appositamente restaurata e adeguata negli impianti agli standard museali, grazie a una cospicua donazione della Fondazione non profit Friends of Florence, che col suo determinante intervento ha reso possibile anche il disallestimento e il successivo nuovo allestimento  ella Sala di Botticelli (10-14), la cui apertura è prevista per la primavera del 2016.

La Sala dei Pollaiolo e quella di Botticelli della Galleria degli Uffizi, contrassegnate dai numeri 9 e 10-14, non saranno infatti più  accessibili ai visitatori. La chiusura consentirà l’avanzamento del cantiere “Nuovi Uffizi”, che in quegli ambienti prevede, insieme agli indispensabili adeguamenti impiantistici, una nuova articolazione degli spazi e un’inedita esposizione delle opere botticelliane. “Siamo al punto più delicato e forse anche più alto dei ‘Nuovi Uffizi – ha affermato Antonio Natali, Direttore della Galleriagiacché stiamo toccando uno dei luoghi nevralgici del museo. I capi d’opera di Botticelli sono le creazioni più ambìte dell’intera collezione, sicché proprio per non interromperne la lettura, agli Uffizi s’è lavorato notte e giorno per creare un’altra sala che li ospitasse per tutta la durata della ristrutturazione. E alla fine credo che nel nuovo ambiente si potrà godere d’una visione delle opere di Sandro perfino più vibrante”.

“Per la nostra fondazione – ha affermato Simonetta Brandolini d’Adda Presidente di Friends of Florence è un progetto molto importante perché gli Uffizi, Botticelli e Pollaiolo fanno parte dell’immaginario collettivo di tutti, anche degli americani e soprattutto dei nostri donatori e ciò ci ha permesso di raccogliere quasi 910.000,00 dollari (circa 700.000,00 euro) in sole sei settimane. Ringrazio i nostri donatori senza i quali tutto ciò non sarebbe stato possibile e ringrazio anche Antonio Natali e tutta la ex-Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino per averci offerto la possibilità di partecipare al progetto, riconoscendo l’importante finalità non profit della nostra fondazione, del nostro lavoro e di questo dono. Friends of Florence – continua la Presidente – dal 1998 è impegnata nella difesa dei tesori piccoli e grandi di Firenze e della Toscana con l’unico obiettivo di consegnarli alle generazioni presenti e future. La stretta collaborazione con le istituzioni del territorio ci consente di realizzare ogni giorno la nostra missione che è la salvaguardia di tanti capolavori più o meno conosciuti. Con questo progetto, che terminerà nell’anno del 50° anniversario dell’alluvione di Firenze, contribuiremo a rendere ancora più fruibile un importantissimo patrimonio mondiale: questo è l’omaggio alla città di Firenze da parte di Friends of Florence”.

Nella Sala 41 sarà temporaneamente esposta un’antologia sceltissima di creazioni botticelliane. Sulla parete d’ingresso saranno collocate la Madonna del Magnificat e la Madonna del melograno; sulle due pareti laterali si potranno ammirare l’Adorazione dei Magi, la Primavera e la Calunnia da una parte, la Madonna col Bambino e santi, la Nascita di Venere e Pallade e il centauro dall’altra. Sulla parete di fronte a quella d’ingresso saranno visibili il Ritratto di uomo con la medaglia e le Storie di Giuditta. Sempre su questa parete campeggerà il monumentale Trittico Portinari di Hugo van der Goes, che, nell’ambito del riordino museografico della Galleria, costituirà in futuro il fulcro di un’esposizione tutta votata alla pittura straniera nordica del Quattrocento.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »