energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Agroalimentare di qualità: l’Italia alza il primato. Ma calano i produttori Economia

L’Italia si conferma primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg (specialità tradizionale garantita) conferiti dall’Unione europea: 248 i prodotti di qualità riconosciuti al 31 dicembre 2012 (nove in più rispetto al 31 dicembre 2011). Di questi, 243 risultano attivi. I settori con il maggior numero di riconoscimenti sono gli ortofrutticoli e cereali (98 prodotti), i formaggi (45), gli oli extravergine di oliva (43) e le preparazioni di carni (36). Le carni fresche e gli altri settori comprendono, rispettivamente, quattro e 22 specialità. Nel 2012 gli operatori certificati sono 80.231, in calo del 4,7% rispetto al 2011. Di questi, il 91,5% svolge esclusivamente attività di produzione e il 6,3% solo trasformazione; il restante 2,2% effettua entrambe le attività. Complessivamente il numero dei produttori registra una battuta d’arresto nel Centro-Sud, mentre nel Nord dove i prodotti Dop e Igp sono storicamente più radicati, il calo risulta più contenuto. Questi i principali dati divulgati oggi da Istat nel report 2012 "I prodotti agroalimentari di qualità Dop, Igp e Stg" che scatta la fotografia della produzione agroalimentare made in Italy di qualità riconosciuta dai marchi europei.

Nel sistema di certificazione gli operatori fuoriusciti (13.410) superano i nuovi entrati (9.493). Tra gli operatori prevale la componente maschile: il 79,8% dei produttori e l’86,3% dei trasformatori sono uomini. I produttori (75.148 unità, -5,1% rispetto al 2011) sono particolarmente numerosi nelle attività relative ai settori dei formaggi (27.747, 36,9% del totale), degli oli extravergine di oliva (19.192, 25,5%) e degli ortofrutticoli e cereali (16.767, 22,3%). I trasformatori (7.015 unità, +2,6% rispetto al 2011) sono più consistenti nei settori degli oli extravergine (1.879, 26,8% del totale), dei formaggi (1.743, 24,8%) e degli ortofrutticoli e cereali (1.170, 16,7%). Gli allevamenti (42.804 strutture) si riducono dell’8,8% mentre la superficie (159.548 ettari) aumenta del 5,2%. Le cessazioni degli operatori risultano più consistenti nel settore dei formaggi (7.989 operatori) e degli oli extravergine (2.627 operatori); questo andamento influisce sull’intero comparto dei prodotti di qualità, che registra complessivamente un saldo negativo di 3.917 unità tra operatori entrati e fuoriusciti dal sistema di certificazione.

Infografica Istat

Le regioni con più Dop e Igp sono Emilia-Romagna e Veneto, con 36 e 35 prodotti riconosciuti. I prodotti di qualità favoriscono lo sviluppo delle aree montane del Paese: il 29,3% dei produttori è localizzato in montagna a fronte del 17% di aziende agricole montane rilevate dal Censimento dell’agricoltura nel 2010.

Foto www.caseificio-spadi.it

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »