energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Al fuoriclasse Obbadi il titolo Unione europea dei mosca Sport

Firenze – Mohammed Obbadi ieri sabato a Manzano del Friuli ha conquistato il vacante titolo dell’Unione Europea dei pesi mosca battendo ai punti in 12 riprese il 37enne Silvio Olieanu, nato in Romania, ma cittadino spagnolo ex campione europeo e challenge al mondiale WBA.

E’ stato un match molto interessante di spessore sul piano tecnico, che l’astro nascente dell’Accademia Fiorentina si è meritatamente aggiudicato sciorinando un boxe di grande qualità. Si è trovato davanti un avversario tosto, esperto, grintoso, ma Obbadi ha imposto i diritti di una classe indiscutibile. Ed alla fine si sono concluse a sue vantaggio ben 11 delle 12 riprese.

Obbadi partiva subito all’attacco. Destri, sinistri rapidi, precisi. Varietà di colpi, dinamismo. Olieanu faticava a controllare l’irruenza dell’avversario tanto che alla fine della quinta ripresa Obbadi era in vantaggio di sei, sette punti.

Alla sesta ripresa il giovane campione correva inaspettatamente un grosso rischio. Metteva a segno due colpi che Olieanu accusava visibilmente. Allora Obbadi nel tentativo di metterlo k.o. lo attaccava in modo un po’ disordinato e Olieanu faceva partire un pesante destro volante che centrava il nostro campioncino. L’allievo di Alessandro Boncinelli, che lo stava guidando dall’angolo, riusciva ad assorbire bene quel destro maligno fino a gong. Una delicata situazione dovuta all’inesperienza.

Ma già dal round successivo Obbadi riprendere in mano il match e finiva in crescendo e nelle battute finali offriva una boxe da vero fuoriclasse. Il verdetto. Due giudici nettamente per Obbadi –  116-112 ed 118-109 –mentre l’altro, quello svizzero, tra la sorpresa e lo stupore generale, dava il pari 114-114.

Dunque questo 22enne pugile marocchino di nascita, ma che da una decina di anni abita e lavora a Cascina di Pisa, professionista dall’aprile del 2015, con all’attivo  11 incontri tutti vinti di cui 8 prima del limite, ieri ha superato a pieni voti anche il primo grosso ostacolo e si proietta verso una luminosa carriera di pugile.

Gli obiettivi di Obbadi. Tornerà sul ring a marzo in un match nel quale metterà in palio il suo fresco titolo internazionale. Il suo desiderio, ma anche quello dei suoi ormai numerosi tifosi che lo definiscono l’erede di Leonard Bundu, sarebbe di combattere a Firenze. Poi penserà alla sfida per il titolo italiano attualmente vacante. In un secondo momento, magari nel prossimo autunno, potrebbe tentare la scalata alla corona europea al momento detenuta dal francese Vincent Legrand.

——————————–

Print Friendly, PDF & Email

Translate »