energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Al Museo Bardini le figure plastiche di Kevin Francis Gray Cultura, Foto del giorno

Le opere di Kevin Francis Gray richiamano la scultura più classica, fatta di perfezione tecnica e tensione – spiega Antonella Nesi, curatrice della mostra – verso una bellezza estetica impeccabile”.

Quattordici opere in marmo, una in bronzo e cinque bozzetti compongono la mostra dell’artista irlandese Kevin Francis Gray al Museo Stefano Bardini. L’esposizione, già pronta a marzo ha dovuto attendere tutti questi mesi per essere visibile e visitabile fino al 21 dicembre 2020.

Un legame storico e culturale unisce le scultoree figure di Gray con la preziosa collezione di capolavori che costituiscono il Museo del celebre antiquario.

È un’arte colta quella di Gray. I suoi lavori testimoniano una cultura profonda che lo lega alla tradizione classica, senza dimenticare le sue radici nordiche.  Anche la tecnica attinge dall’esperienza antica soprattutto per quanto riguarda il non finito e il velato ma tutto viene tradotto in un linguaggio contemporaneo dalla sensibilità dell’artista.

Per questo motivo le sue sculture possono dialogare con i marmi ellenistici, con le essenziali forme scultoree medievali, con la perfetta forma rinascimentale della collezione plastica del Museo Stefano Bardini” prosegue Antonella Nesi.

Busti, figure distese, bozzetti avvolti da una stessa tematica, desueta per i nostri tempi: il rapporto con la morte. Non è solo il riferimento alle posizioni di coperture scolpite di patrizi o coppie di sposi dei sarcofaghi, etruschi, ellenistici o romani. È proprio nella realtà fisica impressa nel marmo, e nel bronzo che, come dopo il trapasso, il corpo subisce delle trasformazioni sempre più evidenti, che man mano passa il tempo, un processo di disgregazione naturale, così le sculture nella loro struttura cambiano “pelle” perdendo le caratteristiche umane e consegnando le spoglie ad un ritorno alla terra. Ma c’è di più, le piccole statue presenti in mostra testimoniano riferimenti e analogie con l’arte della stagione futurista oppure negli inaspettati richiami all’arte romana con i busti o alle figure velate realizzate con una tecnica particolarmente ingegnosa.

 

Kevin Francis Gray

Fino al 21 dicembre 2020

Museo Stefano Bardini

Firenze
Per l’accesso è necessario provvedere all’acquisto dei biglietti on line, con prenotazione obbligatoria sul portale http://bigliettimusei.comune.fi.it/

Print Friendly, PDF & Email

Translate »