energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Al via il recupero del complesso ex industriale New Flex, verde, parcheggi e viabilità Breaking news, Cronaca

Firenze –  Scatta il via libera in giunta per il recupero del complesso ex industriale e artigianale di via delle Muricce-angolo via Canova nel Q4, che prevede la costituzione di un nuovo giardino pubblico, alberi, percorsi pedonali, area fitness all’aperto, area cani, parcheggio e nuova illuminazione. Sono solo alcuni degli interventi legati alla trasformazione residenziale del complesso dismesso, che assumerà la funzione di polmone verde e funzionale per la zona. L’ok della giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore all’Urbanistica Cecilia Del Re, prevede nel piano anche la realizzazione di un nuovo immobile ad uso residenziale con demolizione degli edifici attualmente presenti e riqualificazione dell’area.

I lavori previsti – Nel dettaglio, verrà realizzata un’area a verde pubblico a ovest su via delle Muricce con l’inserimento della nuova viabilità con parcheggio pubblico a est, in modo da favorire la fruibilità da parte della collettività. Il nuovo edificio sarà composto da sei piani fuori terra per complessive 22 unità immobiliari su una superficie utile lorda complessiva massima di 1900 mq. Il piano prevede a carico dell’operatore la realizzazione di una serie di opere di urbanizzazione, che riguardano tra l’altro: la realizzazione di un’area a verde pubblico di oltre 600 mq lato ovest, su via delle Muricce angolo via Canova (con percorso pedonale di collegamento delle due strade), nuove alberature con impianto di irrigazione, arredi, illuminazione e spazio attrezzato per sport; allargamento di via Canova nel tratto da via delle Muricce al confine con il parcheggio della scuola primaria Martin Luther King, con pavimentazione in asfalto, cordoli, segnaletica verticale e orizzontale; rifacimento di marciapiedi; nuovo filare di otto alberi in apposite aiuole e mantenimento del platano esistente all’incrocio tra via Canova e via delle Muricce con ampliamento dell’aiuola esistente; realizzazione di un’area a parcheggio pubblico lato est, con inserimento della nuova viabilità interna, verde, marciapiedi, illuminazione e muretti con ringhiera a protezione della rampa disabili; segnaletica orizzontale e verticale; illuminazione pubblica con tre lampioni su via Canova, due lampioni su parcheggio e nuova viabilità, sei lampioni sul verde pubblico. Inoltre, la convenzione prevede che il privato versi al Comune 120mila euro di monetizzazioni di una quota di standard che saranno destinati:  all’area verde della zona per la realizzazione di un percorso fitness per attività sportiva libera all’aperto con fornitura di una serie di attrezzi in acciaio inox 304 (manubrio, spalliera, panca, push up, pull up, ski, torsioni manubri, squat, potenziamento braccia e addominali, salti, pedana gambe, airwalker, stretching) per un importo complessivo di circa 40mila euro; e all’area di San Bartolo per la realizzazione di un’area cani e di un nuovo percorso pedonale dotato di illuminazione che metta in collegamento il nuovo parco con via del Perugino (circa 80mila euro).

“Riattiviamo un luogo che esce dall’abbandono – ha detto l’assessore Del Re – all’interno di un quartiere come l’Isolotto, che, dati alla mano, sempre più cittadini stanno scegliendo per abitarci grazie alla tramvia e ai tanti spazi verdi qui presenti”. La trasformazione, ricorda l’assessore,  si inserisce negli interventi del Regolamento urbanistico in scadenza, in vista dell’adozione del nuovo Piano operativo che andrà a definire gli indirizzi delle riqualificazioni anche dell’area circostante, compresa la ex ditta Campolmi, che in Firenze Prossima è risultato essere il luogo su cui la cittadinanza del quartiere attende con maggiore attenzione nuova vita. Parte degli oneri andranno anche sul Parco di San Bartolo, dove sono già in corso i lavori, e che rappresenterà un ulteriore polmone e centro di servizi per tutto il quartiere”.

“Salutiamo con favore questo intervento di riqualificazione importante – ha detto il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni – che ha vantaggi pubblici rilevanti: l’eliminazione della strettoia di via Canova, l’incremento di parcheggi e soprattutto di verde pubblico attrezzato. Siamo soddisfatti di questa operazione che va a realizzare una delle trasformazioni previste dal nostro Regolamento urbanistico. Adesso con l’amministrazione, attraverso il nuovo strumento urbanistico in corso di definizione, dobbiamo pensare a come dare una scossa per completare l’opera di riqualificazione sull’area contigua della ex fabbrica Campolmi che da diversi decenni è rimasta abbandonata”.

Foto: Ufficio Stampa Comune di Firenze – Area ex stabilimento New Flex in via delle Muricce angolo via Canova / Enrico Ramerini CGE Fotogiornalismo

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »