energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Al via la terza edizione de “Il Tempio delle Muse” Spettacoli

Gustare le sonorità dell’arpa celtica circondati dalle testimonianze della fauna preistorica, conoscere la storia dell’antico strumento musicale del dulcimelo fra le magie dei minerali di tutto il mondo, immergersi nelle melodie della musica indiana all’ombra di alberi secolari, riscoprire le origini nobili e popolari del ballo liscio in compagnia di collezioni fossili. Il ricco calendario 2013-2014, gratuito e programmato la domenica mattina, è costituito da 17 appuntamenti che svariano dalla musica classica a quella folk, dal genere jazz a quello etnico. La rassegna è stata presentata oggi da Teresa Megale, delegata del rettore alle attività artistiche e spettacolari di Ateneo, Giovanni Pratesi, direttore del Museo di Storia Naturale, e dal maestro Marco Papeschi, curatore della manifestazione e direttore dell’Orchestra dell’Università di FirenzeFra le novità di quest’anno, la “prima” della manifestazione, che si tiene, per così dire, in trasferta, presso il Conservatorio “Luigi Cherubini”: il concerto dell’University Symphony Orchestra della Università Cattolica di Lovanio  (Belgio) , in tournée straordinaria a Firenze, diretto dal Maestro Edmond Saveniers con Hans de Vos violino solista nel Concerto per violino di  Jean Sibelius. L’Orchestra proporrà anche la Cuban Ouverture di George Gershwin e la Sinfonia n.8 di Dmitri Shostakovich: l’appuntamento, un esempio rilevante di scambio internazionale tra orchestre universitarie, si terrà giovedì 31 ottobre alle ore 21 (piazzetta delle Belle Arti, 2 – Sala del Buonumore). L’ensemble dell’Ateneo fiorentino terrà il Concerto di Natale, quello di Primavera e, a chiusura della manifestazione, il Concerto estivo, eseguendo pezzi appositamente arrangiati che spaziano dal classico al moderno, fino ad arrivare alle colonne sonore dei film più famosi.

"Il Tempio delle Muse, che ho ideato tre anni fa – ha spiegato Teresa Megale –  salda la tradizione musicale della città di Firenze con la sua grande vocazione scientifica, facendo riscoprire nel contempo il sistema museale universitario, unico nel suo genere per la qualità storica e la ricchezza delle sue collezioni. Attraverso il potere della musica si intende valorizzare la sinergia fra le arti dello spettacolo e la scienza e far conoscere ad un largo pubblico il vasto patrimonio artistico-scientifico posseduto dal Museo di Storia Naturale  dell’Ateneo di Firenze".

“Il Museo di Storia Naturale è ben lieto di ospitare un evento culturale così articolato – ha commentato Giovanni Pratesi – offrendo ambientazioni e atmosfere ricche di suggestioni. Si tratta anche di un’opportunità, particolarmente apprezzata già nelle scorse edizioni, di far conoscere al pubblico le nostre collezioni, veri e propri ‘tesori’ di natura, scienza e storia”.

"L'attività musicale universitaria che mi ha visto e vede protagonista in varie vesti compie vent'anni – ha precisato Marco Papeschi – Senza perdere smalto dimostra freschezza e inventiva con una manifestazione come ‘Il Tempio delle Muse’ che riesce a dare alla città un cammeo di originalità creativa e un motivo in più per frequentare i musei universitari. La domenica mattina il museo diventa palcoscenico e la cultura che preserva accoglie la nostra rispettosa presenza."

La partecipazione ai concerti è gratuita. In occasione degli appuntamenti sarà anche possibile visitare (con biglietto) le sezioni del Museo che ospitano gli spettacoli. Per i soci UniCOOP esiste la possibilità  di prenotazione al concerto con garanzia del posto scrivendo a tempiodellemuse@gmail.com o telefonando al 331-8762068 (dalle ore15 alle 18 dal lun. al ven.) e, per le visite alle sezioni interessate dai concerti, riduzioni del biglietto di ingresso (3 euro anziché 6).
Per informazioni: tempiodellemuse@gmail.comspettacolo@unifi.itwww.msn.unifi.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »