energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Alla Pergola la mostra fotografica dedicata ad Arnoldo Foà Cultura

Firenze – “Arnoldo Foà – una vita lunga un secolo”: è questo il titolo della mostra fotografica, fortemente voluta dalla famiglia, allestita per onorare e far conoscere l’esistenza e la straordinaria carriera di uno dei più illustri e amati attori italiani del ‘900,  che proprio  a Firenze ha iniziato e consacrato la sua vita artistica. Nel 2016 ricorre l’anniversario, il centenario della nascita,  di questo immenso artista legato da un amore particolare a Firenze, come ha ricordato la moglie, Anna Procaccini, richiamando il legame con il teatro della Pergola, che fu “il primo in cui Foà, da giovanissimo, abbia assistito a uno spettacolo. Abbiamo voluto che la mostra debuttasse alla Pergola e a Firenze perché Arnoldo era legatissimo alla sua città, dove la sua famiglia ha vissuto fino al 2005. Proprio per l’amore e il rispetto che nutriva per la Pergola ho deciso che il suo archivio fosse affidato alla Fondazione Teatro della Toscana”.

Il percorso fotografico, da domani fino al 30 ottobre, presenta una serie di scatti inediti provenienti dall’archivio privato di famiglia, che consentono di  ripercorrere alcune delle tappe fondamentali della vita non solo artistica, ma anche privata. Ad accompagnare queste immagini un video grazie al quale lo spettatore, guidato dall’inconfondibile e indimenticabile voce del grande attore, è accompagnato in un viaggio alla scoperta di Dante, di cui Arnoldo Foà è stato uno dei più intensi lettori. La mostra, fortemente voluta dalla famiglia Foà, è organizzata in collaborazione con Dalia EventsOnni ed Ex Novo.

Giovedì 6 ottobre alle ore 16.30 il pubblico potrà approfondire la conoscenza di questo artista poliedrico attraverso una visita guidata della mostra e la visione del documentario Almeno io Fo…à realizzato da Lorenzo Degl’Innocenti e Alan Bacchelli. Per partecipare è obbligatoria la prenotazione tramite e-mail a centrostudi@teatrodellatoscana.it.

La figura di Arnoldo Foà è un compendio di moltissime virtù artistiche. Dal cinema, dove ha interpretato più di 100 film lavorando  con famosi registi italiani e internazionali (Pietro Germi, Alessandro Blasetti, Giuliano Montaldo, Orson Welles, Joseph Losey, Edward Dmytryk, Christian Jacques, Alessandro D’Alatri, Ettore Scola), Nastro d’Argento 2004 per “Gente di Roma” di Ettore Scola, alla televisione, dove il suo nome è legato ad alcune delle più importanti e famose produzioni della Televisione Italiana, tra cui “La freccia nera”, “Il giornalino di Gianburrasca”, “Nostromo”, “Il Papa Buono”; dal teatro, in cui portato sulle scene come interprete spettacoli di autori sia classici che contemporanei, con registi come Visconti, Strehler, Menotti, Ronconi, e dove, oltre  a opere di Shakespeare, Pirandello, Aristofane, Checov, Plauto, Caldwell, O’Neill, ha rappresentato anche commedie e drammi suoi (fu anche regista di spettacoli di prosa e di opere liriche), alla poesia, dove le sue dizioni furono registrate su vinile negli anni ’60 (Disco d’oro per il disco di poesie di Garcia Lorca), e recentemente su cd. Nella sua poliedrica genialità, Arnoldo Foà è stato inoltre pittore, scultore, giornalista e scrittore. Il suo ultimo libro, “Autobiografia di un artista burbero” è stato edito da Sellerio Editore nel 2010.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »