energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Alla Scuola Sant’Anna di Pisa si studiano le leggi per i robot STAMP - Università

Nel 2009 la collaborazione fra l’Istituto di BioRobotica e l’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica e Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa ha iniziato, grazie al progetto europeo DustBot, a sviluppare robot capaci di muoversi autonomamente nell’ambiente urbano. Dal lavoro dell’Ateneo pisano era nato il robot DustCart, un automa per la raccolta differenziata porta a porta che venne sperimentato sul campo a Peccioli (Pisa). L’utilizzo di un robot nella vita quotidiana delle persone, però, ha iniziato a suscitare degli interrogativi etici e giuridici di non poco conto. Come classificare, ad esempio, i robot spazzini nel Codice della strada? Come definire la responsabilità degli automi in caso di eventuali incidenti stradali? Per rispondere a questi e ad altri quesiti che nascono dall’impiego dei robot nella vita quotidiana, la Comunità Europea ha finanziato con 1.500.000 euro un progetto internazionale di ricerca denominato RoboLaw e coordinato dalla Scuola Sant’Anna di Pisa con tre istituti universitari europei: l’Università di Tilburg (Olanda), l’Università di Reading (Regno Unito) e l’Università Humboldt di Berlino (Germania). RoboLaw sarà il primo studio a livello mondiale sulle implicazioni etiche e legali che scaturiscono dalla ricerca e dall’applicazione delle tecnologie emergenti del settore della robotica e fra due anni, una volta ultimato, proporrà una normativa capace di disciplinare lo studio e l’utilizzo della robotica. Alla stesura del codice della RoboLaw, i lavori per la quale saranno coordinati dalla professoressa Erica Palmerini, docente di Diritto privato presso l’Ateneo pisano, collaboreranno ingegneri, giuristi e filosofi. Oltre al Center for Internet & Society della School of Law dell’Università di Stanford, collaboreranno alla stesura delle normative per la robotica anche ricercatori cinesi e giapponesi, nonché esperti di chiara fama internazionale come Donato Busnelli e Stefano Rodotà.

Foto: http://www.sssup.it
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »