energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lucchesia, Baccelli chiede lo stato di emergenza Cronaca

In provincia di Lucca personale degli enti competenti per le emergenze e cittadini a lavoro, sin dalla notte del 21 ottobre, chi per riaprire il traffico su molte arterie della viabilità, chi per deviare o contenere le acque tracimate, chi per scolmare le aree allagate, chi per cercare di asciugare i piani bassi degli edifici, a partire dalle abitazioni. Nel primo pomeriggio di ieri la Regione Toscana ha deciso di prorogare l’allerta meteo di tipo moderato per pioggia su tutto il territorio provinciale fino alle 12:00 di oggi martedi 22 e il presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli ha richiesto alla Regione Toscana la dichiarazione di stato di emergenza regionale per la provincia di Lucca colpita dal violento nubifragio. Il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, chiamato dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi che si è recato in serata a Lucca per valutare la situazione, ha preso l’impegno di coprire le spese per le somme urgenze.
Emergenze e criticità: l'aggiornamento dalla Provincia di Lucca di ieri sera. Allagamenti e frane negli abitati di Pietrasanta, San Romano in Garfagnana, Pieve Fosciana, Colle Aprico, Filicaia, Gragliana, Tereglio, Fornaci di Barga, Mologno, Ponte all’Ania, Castelvecchio Pascoli, Fabbriche di Vallico (loc. Porche), Bagni di Lucca (loc. Benabbio, frazione di Lucchio, Lugliano, Fornoli, Villa, Ponte a Serraglio, Bagni caldi, Fabbriche di Casabasciana, Giardinetto). Nel comune di Gallicano si registrano allagamenti in località La Barca, La Mandria e Le Capanne. Numerose esondazioni di corsi d’acqua minori come il torrente Segone, canale Lo Baco, canale dell’ex cotonificio Oliva, torrente Centesima.  In diverse strade della Valle del Serchio e in Alta Versilia l’acqua proveniente dai versanti e dai corsi d’acqua minori ha invaso la carreggiata lasciando sulla carreggiata molti detriti che i tecnici stanno provvedendo ad asportare. Sono pervenute anche alcune segnalazioni di strutture pubbliche danneggiate per allagamenti come l’ISIS e il Magri a Barga, ITG Campedelli e Liceo Galilei a Castelnuovo, la piscina e il plesso scolastico comunale a Bagni di Lucca. Molte le abitazioni isolate (comuni di Castelnuovo, Stazzema, San Romano in Garfagnana, Castiglione Garfagnana, Careggine e Barga, Coreglia, Fabbriche di Vallico), decine di case sono state evacuate in vari comuni.

La Sala Operativa congiunta, di Prefettura  e Provincia, ha coordinato ieri gli interventi sin dalle prime ore del mattino per tutta la giornata di ieri. Al mattino era stata riaperta al transito la Sp10 di Arni in località Risvolta, dopo la rimozione di una frana e nel pomeriggio è stata ripristinata la viabilità sulla SP2 Lodovica, sulla SP 69 in località Colle Careggine, sulla SP16 di San Romano (in via di conclusione), e sulle SP74, SP71, SP72 e SP50. Alle 17:00 circa RFI ripristina la circolazione ferroviaria sulla linea Lucca-Aulla.  Le emergenze: allagamenti e frane negli abitati di Pietrasanta, San Romano in Garfagnana, Pieve Fosciana, Colle Aprico, Filicaia, Gragliana, Tereglio, Fornaci di Barga, Mologno, Ponte all’Ania, Castelvecchio Pascoli, Fabbriche di Vallico (loc. Porche), Bagni di Lucca (loc. Benabbio, frazione di Lucchio, Lugliano, Fornoli, Villa, Ponte a Serraglio, Bagni caldi, Fabbriche di Casabasciana, Giardinetto). Nel comune di Gallicano si registrano allagamenti in località La Barca, La Mandria e Le Capanne.

La riunuione di ieri sera a Palazzo Ducale. Hanno partecipato il presidente Enrico Rossi,  il presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli, il prefetto di Lucca Giovanna Cagliostro, i responsabili provinciali delle Forze dell’Ordine, il  Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, Andrea Marcucci e Raffaella Mariani, Remaschi e Pellegrinotti, i sindaci dei Comuni colpiti dal nubifragio e dirigenti e tecnici di Palazzo Ducale al fine di fare il punto della situazione. “Una situazione che per gravità e quantità di acqua caduta al suolo, è paragonabile all’evento alluvionale del 1996 in Alta Versilia” – ha dichiarato Baccelli– ricordando le circa 1000 persone isolate, di cui 800 a Fabbriche di Vallico e decine e decine le abitazioni evacuate. Il presidente Baccelli ha anche ricordato che la portata del Serchio è stata analoga a quella del natale 2009 e che, grazie agli interventi a rinforzo degli argini, si è potuto evitare il peggio. Il Governatore Rossi ha accolto la richiesta del presidente Baccelli sullo stato di emergenza regionale, ha poi esortato i sindaci ad andare avanti con gli interventi di somma urgenza garantendo le risorse e facendosi portavoce presso il Governo affinché vengano tolte dal patto di stabilità le risorse per gli interventi a difesa del suolo.

Gli interventi in corso fino a ieri sera ore 19:00:
– Sulla SS12: rimozione di frane da parte dell’Anas e ripulitura della carreggiata all’altezza del Ponte del Diavolo (la viabilità è interrotta tra Ponte Pari a Borgo a Mozzano e Chifenti (Bagni di Lucca).
– Altri interventi sono in corso sulla SP7 di Barga (chiusa, si raggiunge Barga da Castelvecchio), la SP41 di Molazzana (viabilità interrotta), SP39 di Vergemoli (senso unico alternato), SP2 Lodovica (senso unico alternato), SP35 di Coreglia (senso unico alternato), SP49 di Careggine (chiusa), la SP13 di Valdarni (chiusa in loc. Pizzorno), SP 37 Fabbriche di Vallico (chiusa), , SP59 Minucciano Pieve San Lorenzo (senso unico alternato), SR 445 della Garfagnana (in località Mologno), SP56 Valfegana (chiusa), SP55 di Boveglio (limitazione ai mezzi pesanti).

Viabilità interrotta o fortemente critica sulle strade comunali
Mologno-Barga, San Pietro in Campo-Barga, Barga-Tiglio, Chifenti-Corsagna, Valgemigli- Coreglia, Marigliana, Trine, Catagnana, Palagnana, Campogiboli, Crociale-Castiglione, Careggine-Poggio, Canottola, Careggine (loc. Poggio), Marigliana, Naggio, Salvera, Prato Fosco, Persala, Vianova, Orsetti, Capanna nuova, Capanne di Careggine, Isola Santa, Palleroso, Albiano, Barga-Renaio, Val di Vaiana-Renaio, Coreglia-Crocialetto, Via del Lavoro a Pian di Coreglia, Fabbriche di Vallico-Gragliana, Fondicosta-Ghivizzano,Calavorno-Vitiana,Vitiana-Tereglio, Via del canto, Cune-S.Bartolomeo, strada comunale in loc. Benabbio, in loc. Mattaia, Fornoli-Debbio, Sc della Controneria.

22 ottobre Alluvione nel Pistoiese: prossima la stima dei danni
22 ottobre
Piena Ombrone nel grossetano: aperta anche la fase di preallarme
21 ottobre Ennesima tragedia in Toscana: l’appello di Rossi
21 ottobre Vivai di nuovo sott’acqua a Pistoia
21 ottobre Piogge record a Prato, Pistoia e in Garfagnana. Lucchesia e pistoiese sott’acqua

Foto http://iltirreno.gelocal.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »