energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Maltempo, chiusa la provinciale Chianti-Valdarno Cronaca

In seguito al sopralluogo di oggi, durante il quale sono stati rilevati ulteriori movimenti della frana con interessamento anche della corsia di monte, per garantire l'incolumità del pubblico transito si è resa necessaria la chiusura della strada fino al venire meno delle condizioni di pericolo. Restano esclusi dal divieto pedoni, cicli, motocicli e motoveicoli. La Provincia di Firenze ha disposto la chiusura al transito per frana della SP 16 Chianti-Valdarno in prossimità del km. 5+000, nel comune di Greve in Chianti, fino al ripristino delle condizioni di sicurezza per la circolazione. L'itinerario alternativo per il collegamento fra i comuni di Greve in Chianti, Strada in Chianti e Figline Valdarno, in entrambe le direzioni di marcia, è rappresentato dai seguenti percorsi: SP 66, SR 222 oppure SP 56, SP 119, SR 222. I primi movimenti franosi a valle della carreggiata si sono verificati tra sabato 1 e domenica 2 febbraio. Per salvaguardare gli utenti è stato immediatamente istituito un senso unico alternato regolato da impianto semaforico con divieto di transito per i veicoli con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate. La frana è stata tenuta sotto costante monitoraggio, evidenziando nuovi cedimenti verificatisi tra venerdì 7 e sabato 8 febbraio

Uno stemma di pietra in via de' Gondi si stacca dal muro, con ogni probabilità a causa della pioggia incessante, e ferisce di striscio un passante alla spalla. Tragedia sfiorata, l'uomo è stato portato via in mabulanza. Intanto è in via di intensificazione la pioggia battente che continua a cadere sulla regione, provocando seri rischi alla viabilità, soprattutto a causa di frane e esondazioni di fiumi e torrenti. nonostante una nota del Comunedi Firenze dichiari che il territorio fiorentino è per ora sotto controllo, i fenomeni più intensi si verificheranno nelle prossime ore. Intanto, visto il livello idrometrico raggiunto dall'Ombrone Pistoiese a Ponte all'Asse e in previsione di precipitazioni anche intense per le prossime ore, il Servizio Difesa del Suolo della Provincia di Firenze ha aperto la Sala Operativa di Piena per il costante monitoraggio della situazione.

Anche i Consorzi di Bonifica hanno diffuso il punto della situazione: nel comprensorio del Consorzio di Bonifica Ombrone Pistoiese-Bisenzio, l’Ombrone ha superato il primo livello di guardia a Poggio a Caiano, mentre si registrano alcuni piccoli allagamenti legati a corsi d’acqua minori. La situazione potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Idrovore in azione su tutto il reticolo minore che sta registrando le maggiori criticità.

Il Consorzio di Bonifica della Toscana Centrale e il Consorzio di Bonifica dell’Area Fiorentina pur non avendo registrato al momento particolari criticità, stanno lavorando per gestire al meglio le prossime ore, che potrebbero vedere un aumento delle criticità. Il Bisenzio ha da poco superato il primo livello di guardia a San Piero a Ponti. Grande lavoro anche nell’area del Consorzio di Bonifica Versilia Massaciuccoli dove non si sono comunque registrate particolari criticità. Qualche intervento di rimozione delle ostruzioni a ponti e guadi sul territorio del Consorzio di Bonifica Colline Livornesi, sempre con l’obbiettivo di favorire il corretto scorrimento dei corsi d’acqua.

Nelle aree di competenza del Consorzio Bonifica Alta Maremma piove incessantemente da questa mattina, più insistentemente nell’entroterra, come a Gavorrano e Sassetta. In aggiunta alle precipitazioni, il vento di scirocco ed il mare grosso ostacolano il deflusso a mare. Il personale del consorzio è all’opera per liberare la foce di alcuni canali.

Nel Grossetano, l’area più a rischio è quella immediatamente a nord della città. Anche in questo caso, i canali ingrossati dalla pioggia hanno difficoltà a scaricare a mare.

In generale sono attese ondate di piena in tarda serata e nella notte. 

Avviso di criticità elevata è stato emesso dal Centro funzionale regionale. La protezione civile raccomanda a tutti di limitare al minimo indispensabile gli spostamenti e guidare con cautela. La Protezione Civile è allertata su tutto il territorio della provincia di Grosseto e l'Unità di crisi  si è riunita a partire da oggi. Le precipitazioni, deboli questa mattina, si sono via via intensificate e i fenomeni più forti sono aspettati nelle prossime ore.

MARE AGITATO dalle ore 08.00 di oggi, 10 Febbraio 2014 alle ore 20.00. Oggi mare agitato in Arcipelago e sulla costa centro-meridionale esposta ai mari meridionali. Tendenza ad attenuazione del moto ondoso dalla serata con mari molto mossi in Arcipelago (area C) e mossi o molto mossi altrove.

PIOGGIA dalle ore 06.00 di oggi alle ore 18.00 di martedì, 11 Febbraio 2014. Oggi precipitazioni diffuse su tutto il territorio regionale, in estensione al mattino dalla costa alle zone interne. Dal pomeriggio/sera le precipitazioni potranno assumere il carattere di rovescio o temporale. Cumulati attesi: area A medi 50-60 mm, massimi fino a 130-160 mm in particolare a ridosso dei rilievi; area B medi 40-50 mm, massimi fino a 120-140 (in particolare parte occidentale); aree CD medi intorno a 40 mm, massimi fino a 90-120 mm; aree EF medi intorno a 30 mm, massimi fino a 90-110 mm.nella giornata di Martedì, le precipitazioni a prevalente carattere di rovescio tenderanno a diventare più sparse e a interessare principalmente le zone orientali e meridionali della regione. Sono attesi cumulati medi intorno a 10-15 mm su CDEF, cumulati medi poco significativi altrove. Massimi fino a 50 mm.
VENTO FORTE dalle ore 08.00 oggi alle ore 20.00.  Oggi vento di burrasca con raffiche di burrasca forte di Scirocco sulla costa e in Arcipelago (aree CF). Su queste aree, tendenza ad attenuazione dell'intensità del vento in serata. Dal pomeriggio sulle zone interne a ridosso dei rilievi raffiche di burrasca o burrasca forte.

La sala operativa regionale avverte che saranno possibili allagamenti e tracimazioni, con possibilità di erosione delle sponde, rottura degli argini e che l'acqua potrà sormontare passerelle e ponti, e scorrere lungo le strade. Saranno possibili frane e smottamenti. Gli eventi sono previsti con criticità elevata in quasi tutta la Toscana. rischio idrogeologico-idraulico minore per le zone: Magra, Versilia, Serchio e Basso Serchio e per Casentino e Tevere.

Criticità moderata per eventi connessi a mareggiate e forte vento per le attività marittime e nelle vicinanze della costa. Criticità moderata anche per possibilità di black out, caduta di alberi, tegole e cornicioni e circolazione stradale a causa del vento
.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »