energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

All’Istituto Manetti si accende il telescopio Mrpc Innovazione

Conto alla rovescia…. fino alle 12, di oggi 6 giugno, alla presenza delle autorità locali, per la messa in in funzione del telescopio Mprc , nei locali dell’Istituto di istruzione superiore statale “A.Manetti”, preceduta dalla presentazione dello strumento di esplorazione dello spazio e soprattutto di rilevazione dei raggi del cosmo. Il telescopio Mrpc, informa la nota dell'Istituto Manetti) è stato realizzato nell’ambito del progetto, ideato dal professor Antonio Zichichi, Eee “Extreme energy events – La scienza nelle scuole”, a cui ha aderito la rete delle scuole superiori della Cittadella di Grosseto. Sono ingegneri in erba ad averlo costruito nel 2009 nei laboratori del Cern di Ginevra: un gruppo di studenti dell’Istituto tecnico industriale “P. Porciatti” e del liceo scientifico “ G. Marconi” di Grosseto, su progetto del Centro “Fermi” di Roma e con l’ausilio dei tecnici della sezione di Pisa dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, che ne hanno testato la funzionalità. Ora è pronto per essere attivato e può iniziare a esplorare lo spazio e a rilevarne i raggi comsici.

Il progetto è stato avviato nel 2008 con la costituzione della rete delle scuole e nel maggio del 2009 un gruppo di ragazzi delle classi terze ha lavorato, nei laboratori del Cern di Ginevra, alla costruzione dei rilevatori di raggi cosmici necessari per la creazione del telescopio. Durante la giornata evento è stato presentato il “Viaggio a Ginevra per la costruzione delle camere”, con interventi dei rappresentanti dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) di Pisa, dedicati a “Cosa sono i raggi cosmici”, presentazione del Centro Fermi e dell’Infn, descrizione dell’apparato Mrpc.
Oltre agli studenti del Liceo scientifico, dell’Iti e dell’Istituto per geometri, sono stati coinvolti in questo progetto di rilevanza internazionale, anche alcuni alunni dell’Istituto tecnico agrario e il Liceo “A. Rosmini”.

Foto Istituto A. Manetti

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »