energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

All’Università di Pisa 21 beagle di Green Hill attendono di essere adottati STAMP - Università

Sono arrivati a Pisa mercoledì 1° agosto e sono stati subito presi in cura da un’equipe di specialisti veterinari composta da Daniela Gianfaldoni, Francesco Camillo ed Angelo Gazzano, docenti dell’Università di Pisa. Si tratta di 21 beagle, tutti di 2 anni di età, provenienti da Green Hill. I cuccioli facevano parte del programma di sperimentazione farmaceutica, ma sarebbero comunque tutti in ottime condizioni di salute. I veterinari della clinica pisana di San Piero a Grado, un centro di ricerca all’avanguardia nella cura degli animali, ha accolto i 21 beagle e li curerà per rimetterli in sesto e poterli affidare a chi avanzerà richiesta di “adozione”. Nei prossimi giorni gli animali saranno sottoposti ad serie di cure per la loro riabilitazione e verranno dotati di microchip elettronico per la loro identificazione. Si procederà poi alle operazioni di affidamento scegliendo i più adatti padroni fra coloro che avranno fatto domanda chiamando lo 0502212211 oppure scrivendo una e-mail alla responsabile dell’Ufficio Ricerca dell’Università di Pisa, Antonella Pochini (a.pochini@adm.unipi.it). La clinica veterinaria pisana è l'unica che il Ministero della Salute ha scelto in Italia per la riabilitazione dei beagle di Green Hill, data la qualità dei suoi servizi di cura degli animali.

Aggiornamento delle 21:26: La Lega anti vivisezione (Lav) ha comunicato nel pomeriggio di oggi, 3 agosto, che i 21 beagle ospitati presso l'Università di Pisa non proverrebbero dall'allevamento di Green Hill a Montichiari (Brescia), ma da una struttura di vivisezione dell'Italia del Sud.

Foto: http://www.eticamente.net

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »