energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Alluvione a Marina di Carrara: 2 persone iscritte nel registro degli indagati Cronaca

Carrara (Massa-Carrara) – Il 5 novembre scorso, a causa dell’esondazione del fiume Carrione, Marina di Massa venne coperta da una coltre di fango. Per questo evento alluvionale, causato dal crollo dell’argine del fiume carrarese, sono state iscritte due persone nel registro degli indagati. Si tratta del direttore dei lavori sull’argine e dell’allora dirigente della Provincia di Massa-Carrara incaricato dei lavori pubblici di competenza dell’ente. L’accuse nei loro confronti da parte della Procura di Massa è di disastro colposo. Sembra che assieme ai due indagati, si stia vagliando anche la posizione di una terza persona che sarebbe coinvolta nei lavori malamente eseguiti sull’argine del Carrione.

E per gli alluvionati di Marina di Carrara nella giornata di oggi, giovedì 18 dicembre, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha chiesto al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ed ai parlamentari toscani di Camera e Senato di rinviare di 6 mesi il pagamento delle tasse. “Si tratta di persone che hanno bisogno di essere aiutate”, ha spiegato il Governatore toscano. “Da tutti loro non si può pretendere, mentre ancora sono nel fango, il pagamento delle tasse entro il 31 dicembre. Non chiedo la sospensione del pagamento dei tributi, ma il rinvio di 6 mesi, per aiutarli a superare nell’immediato le difficoltà”, ha concluso.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »