energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ambiente, stop a porte spalancate negozi, unanimità in Consiglio Breaking news, Cronaca

Firenze – La mozione “green” di Sì Toscana a Sinistra incontra l’unanimità del Consiglio regionale. L’atto consigliare impegna la giunta a coinvolgere i comuni della regione perché emettano “delibere ed ordinanze che impongano di mantenere chiuse le porte d’ingresso degli esercizi commerciali verso l’esterno, ad eccezione del tempo necessario all’entrata e all’uscita dei clienti e del personale, o del tempo necessario alle varie operazioni funzionali all’esercizio stesso”, come il carico e scarico merci. Il testo ricorda anche la dichiarazione di emergenza climatica approvata dal Consiglio regionale a giugno su proposta di Sì Toscana a Sinistra che, fra le varie cose, impegna la Regione Toscana a porsi obiettivi più ambiziosi per contrastare il cambiamento climatico, favorendo il risparmio energetico e sollecitando la partecipazione degli enti locali alla definizione del nuovo quadro energetico e ambientale.

“Questa estate sarà certamente capitato a tutti di camminare per le strade torride delle nostre città ed essere travolti da ondate di aria gelida, come in inverno di essere investiti da improvvise ondate di calore, sempre in corrispondenza di grandi negozi le cui porte sono lasciate costantemente aperte”, ha esordito in aula il capogruppo Tommaso Fattori. “L’Amazzonia brucia, i ghiacci si sciolgono ma la civiltà dello spreco va avanti come se nulla fosse. Non vengono messe in discussione neppure le abitudini più stupide, come quella di tenere spalancate le porte dei negozi in estate e in inverno, con il condizionamento d’aria o il riscaldamento accesi”. Pratica che determina, dice il consigliere,  un enorme spreco di risorse ed energie, aumentando i consumi energetici e le emissioni di anidride carbonica e di polveri sottili”.

“La motivazione sottesa a questa abitudine commerciale lascia esterrefatti: la porta lasciata sempre aperta inviterebbe il cliente ad entrare nel negozio. Si tratta insomma di una mera strategia di marketing. E questo è il segno più evidente di un mondo ormai impazzito, dove l’economia è concepita come un sistema del tutto sconnesso dall’ambiente”, ha proseguito Fattori.

“Un sistema produttivo e commerciale che mette nel conto lo sperpero di risorse e lo spreco di energia è un sistema stupido, nemico del pianeta e delle future generazioni.  Occorre abbandonare le fonti fossili a favore delle rinnovabili e migliorare l’efficienza energetica, ma prima di tutto è necessario vietare e fermare immediatamente inutili sprechi. In Toscana, fino ad oggi, nessun comune ha emesso ordinanze per impedire che le porte dei negozi siano lasciate spalancate mentre gli impianti di raffrescamento o di riscaldamento sono in funzione, per questo la Regione deve prendere l’iniziativa coinvolgendo tutti i comuni e adoperandosi più in generale a veicolare alla cittadinanza messaggi corretti rispetto alle buone pratiche da adottare e da condividere”, ha terminato Fattori.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »