energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Amianto: a Roma l’atto di accusa per le vittime di Pistoia Opinion leader

Pistoia – Pistoia – Martedì 22 Settembre 2015, alle ore 13 a Roma, presso la sede della Camera dei Deputati si svolgerà la presentazione dell’antologia “Nessuno ci ridurrà al silenzio”.

Il libro parla di un tema così doloroso come quello che incarna la parola ” Amianto”,  curato da Maurizio de Giovanni e pubblicato da Edizioni Cento Autori, contiene una antologia di racconti su amianto, vita operaia, fabbrica ed altri inquinanti ed è stato realizzato con il coinvolgimento del CeDAMAC “Marco Vettori” Centro Documentazione Amianto e Malattie Amianto Correlate e della Fondazione ONLUS “A.Pofferi” per la Ricerca sui Tumori, con sede a Pistoia.

Il Centro CDAMAC, guidato da Manlio Monfardini e la Fondazione Pofferi, con a capo la D.ssa Sandra Fabbri, intendono continuare il lavoro svolto nei territori sollecitando, attraverso eventi, pubblicazioni e ricerche scientifiche, alle Autorità competenti,  il meritato riconoscimento ai lavoratori che hanno vissuto sulla propria pelle il danno da esposizione all’Amianto. L’antologia è già stata presentata in molte città d’Italia, prima di tutto a Palazzo comunale di Pistoia, alla presenza del Sindaco e di chi, all’epoca, era il Giudice di riferimento, la D.ssa Jacqueline Magi, oltre agli autori.

E domani sarà Roma, ad accogliere questo importante messaggio accompagnato dagli autori , dagli esponenti delle due associazioni e da chi collabora con esse: Valentina Millarini, Valentina Vettori e la sottoscritta come giornalista. A Pistoia abbiamo subito perdite importanti ed il picco delle morti inizia da adesso, e si rammenta che a subire le conseguenze mortali dell’esposizione all’amianto non sono stati solo gli operai ma l’intera famiglia e sopratutto le mogli che erano a contatto con le fibre mortali portate a casa attraverso le tute. Un riconoscimento, non solo morale, sarebbe dovuto assieme ad una forte condanna sui responsabili che hanno permesso questa immane tragedia.

Molti anni fa il processo a carico dei responsabili si è arenato con un “non luogo a procedere”, il Comune non si è mai costituito parte civile, e nessuno ha pagato. Una brutta vicenda che ha lasciato ferite profonde, anche in chi, come gli operai, credeva di venir protetto e maggiormente tutelato dai sindacati di appartenenza. Qualcuno è stato trasferito perché scomodo, i sindacati si sono defilati, salvo, poi, ripresentarsi proprio quando c’è da mettere le bandierine ( al momento giusto ).

La presentazione a Roma è stata realizzata grazie  al l’interessamento degli Onorevoli deputati Caterina Bini ed Edoardo Fanucci.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »