energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Amministrative 2016, Renzi a Sesto, il centrodestra riparte da Grosseto Politica

Firenze – Se Sesto Fiorentino è la partita più importante per le “prove” di convergenza degli equilibri interni del Pd sul nome di Lorenzo Zambini, tant’è vero che a chiudere la campagna del candidato piddino è proprio il premier Matteo Renzi,  è a Grosseto che la sfida diventa all’Ok Corral. Infatti, nel caso del capoluogo maremmano, il Pd si trova davanti un’insolita formazione, che non ha eguali sul territorio regionale ma neppure nazionale: un centrodestra compatto come non se ne vedeva da tempo, tutto stretto intorno all’alfiere, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, colui che passerà alla storia, al di là del risultato che comunque non appare affatto scontato, come il solo che sia riuscito nell’improba impresa di rimettere insieme un centrodestra sempre più frantumato.

Il suo competitor naturale è Lorenzo Mascagni, sostenuto dal Pd e dalla coalizione del centrosinistra, vincitore di primarie complicate, colui cui è affidato il compito di mantenere alto l’onore del centrosinistra che nella tornata elettorale precedente vinse con il sindaco uscente Emilio Bonifazi.

La colazione di centrosinistra che sostiene Mascagni comprende Riformisti per Grosseto-Psi, Passione per Grosseto e la lista civica Lorenzo Mascagni sindaco.  Antonfrancesco Vivarelli Colonna è invece il candidato della lista Vivarelli Colonna sindaco per Grosseto, sostenuta da Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega Nord, il Movimento Autonomista Toscano, Udc e le liste Maremma Migliore e Prima Grosseto-Italia Patria Nostra.

Gli altri candidati alla poltrona di sindaco sono Giacomo Gori, Movimento 5 Stelle, che ci riprova per la seconda volta dopo aver ottenuto la scorsa mandata il 5,6%,  Massimo Felicioni, per la lista civica Grosseto Oggi per domani,  3,61% la volta scorsa, Massimo Ceciarini per Insieme a Sinistra, Carlo Vivarelli per Movimento Toscana Stato, Federico Trotta per Forza Nuova, Marco Barzanti per il Partito Comunista d’Italia. Il nono candidato che avrebbe corso per la Lega Toscana, Stefano Carotta, è risultato escluso per errori formali nei documenti per la presentazione della candidatura.  I numeri in generale sono dunque 8 candidati sindaco, per 568 candidati, per 19 liste.  

Print Friendly, PDF & Email

Translate »