energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Anvedi ‘sti Borini Rubriche

Comunque iniziamo la nostra rassegna con lo scoppiettante aperitivo Genoa – Lazio che regala ben cinque gol: Palacio non smette di segnare e, qualunque cosa succeda, non può che aver già ripagato gli sforzi economici fatti ad inizio anno dai fantallenatori che hanno creduto in lui visto che ha già toccato quota 12 gol. Ma la copertina del match spetta a Bosco jankovic che con una doppietta regala i tre punti al Genoa ma, ne siamo sicuri, anche alla maggior parte di chi l’ha schierato in campo. Nonostante lo zoppicante inizio di stagione, adesso, con i suoi cinque gol, si sta rivelando un superacquisto .
Chiudono il tabellino Ledesma e “el Tata” Gonzalez che, oltre ad essere il sosia di Simone Inzaghi, ormai è inamovibile nell’undici di Reja. E se poi si mette a segnare…
Il gelo chiude le scuole e anche le porte, infatti si registrano ben quattro 0-0 in partite che si preannunciavano ricche di gol:- Il Siena esce con un punto preziosissimo e insperato dallo Juventus Stadium;
– Il Lecce non riesce a fare bottino pieno in casa col Bologna e questi sono punti persi pesantissimi;
– Il Milan e il Napoli regalano uno scialbo 0-0 in una partita che poteva essere piena di punti fantacalcistici. E’ ovvio sottolineare l’espulsione di Ibra che rischia fino a tre giornate, questo potrebbe essere una bella mazzata più per chi ce l’ha che per il Milan;
– Di Novara – Cagliari è quasi inutile parlare vista la pochezza del gioco espresso e la mediocrità dei voti (media voto Cagliari: 5,7; media voto Novara: 5,2);
Ovviamente ottima scelta per quanto riguarda i portieri di queste otto squadre.
L’Udinese cade a Firenze grazie al cecchino Joevtic e al primo gol in viola di Cassani ma il capocannoniere del campionato, Di Natale, decide di mettere la firma anche su questa partita. Da notare anche il primo acuto in serie A del talentuoso Torje. Da tenere d’occhio per il proseguo della stagione.
Ricca di spunti anche la partita del Barbera dove Miccoli conferma di essere in forma smagliante. Alzi la mano chi ha creduto in Budan a settembre? Era addirittura fuori dalle liste gazzetta eppure adesso entra di diritto in lotta per aggiudicarsi il titolo di “sorpresa del girone di ritorno”. Un bravo a chi ha creduto in lui perché con un uomo-assist come Miccoli potrebbe fare davvero tanti gol.
Applausi per la formica atomica al Bentegodi, un 8+3 che sancisce una prestazione ad altissimo livello che riporta i “mussi” veronesi sulla terra dopo le ultime buone prestazioni. L’autogol di Luciano fa male ai fantallenatori quanto a Di Carlo, mentre il gol di Thereau accende quella speranza malcelata che ha chi si era pentito di averlo comprato. E invece…
Eccoci arrivati al big match. La gara che è stata più in dubbio di tutto il week end. Si gioca sabato alle 20:45. No, facciamo alle 15. Tagliamo la testa al toro: vada per le tre di domenica insieme a tutte le altre.
Poi la bufera sulla capitale ha rimesso in crisi questa decisione, finché alle 17:00 la Roma è uscita dall’Olimpico dopo aver strapazzato un’Inter che adesso pare molto ridimensionata dal punto di vista degli obbiettivi e del gioco. Ma andiamo alle cose che ci interessano di più:
– Il difensore Juan apre le marcature portando a casa un 7+3 (-0,5). E, come amiamo dire, “non c’è cosa migliore di quando segna un difensore”;
– Ma il vero eroe della giornata si chiama Fabio Borini. Lo scarso rendimento di Bojan e l’infortunio di Osvaldo lo hanno portato alla ribalta e difficilmente il tecnico romanista potrà rimetterlo in panchina senza farsi delle domande sulla reale utilità di questo ragazzo. Doppietta all’inter e un bel 7,5 portato a casa che gratifica lui e chi l’ha schierato. Acquisto pazzesco;
– Il quarto gol, bello e inutile, è segnato dal redivivo Bojan che ha capito che se non si dà una mossa sarà dura vedere il campo. Il talento è indiscutibile, l’adattamento al gioco e al campionato invece si.
Male, malissimo l’Inter dove i 4,5 di Nagatomo e di Cambiasso e il 4 di Lucio fanno da cuscinetto ad una serie di 5 e 5,5 che sottolineano la colata a picco della squadra di Ranieri. Male J. Cesar che sta incassando veramente troppi gol per essere un top player: 8 nelle ultime due partite!

La foto è presa da: messaggero.it
Adesso sotto con i “SI” e i “NO”:

ATALANTA – LECCE
SI: Moralez; NO: Blasi

BOLOGNA – JUVENTUS
SI: Giaccherini; NO: Raggi

CAGLIARI – PALERMO
SI: Pinilla; NO: Balzaretti

CATANIA – GENOA
SI: Lodi; NO: Kaladze

INTER – NOVARA
SI: Sneijder; NO: Centurioni

LAZIO – CESENA
SI: Lulic; NO: Comotto

NAPOLI – CHIEVO
SI: Lavezzi; NO: Pellissier

PARMA – FIORENTINA
SI: Floccari; NO: Cassani

SIENA – ROMA
SI: Borini; NO: Brienza
UDINESE – MILAN
SI: Basta; NO: Emanuelson

Un saluto a tutti quelli a cui il portiere para un rigore. Che gioia!

A giovedì prossimo.


 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »